Piazza Piano di Corte, calci e pugni a 2 giovani: assolti in 4

La sentenza per un episodio accaduto nel dicembre del 2012

piazza piano di corte calci e pugni a 2 giovani assolti in 4
Benevento.  

Tutte assolte dal Tribunale, perchè il fatto non sussiste, le quattro persone di Benevento rinviate a giudizio per un episodio accaduto nel dicembre del 2012 in piazza Piano di Corte.

L'assoluzione è scattata per le accuse di detenzione illegale di una pistola in luogo pubblico e tentata rapina, mentre per quella di lesioni aggravate è arrivata la dichiarazione di intervenuta prescrizione. Erano queste le accuse che erano state contestate, a vario titolo, a Mario Russo, 35 anni, Alessandro Giardiello, 29 anni, Marco Intorcia, 32 anni, e Augusto Luigi Troiano, 29 anni, difesi dagli avvocati Antonio Leone e Benedetta Masone.

Gli imputati, per i quali il Pm aveva proposto la condanna a 4 anni e 6 mesi, erano stati chiamati in causa dalle indagini su quanto si era verificato il 1 dicembre del 2012 in una delle zone del capoluogo che nel fine settimana vengono affollate dalla movida.

Secondo gli inquirenti, avrebbero colpito con calci e pugni un 23enne –  l'avvocato Domenico Russo ha ritirato in apertura d'udienza la costituzione di parte civile dopo l'accordo raggiunto tra gli imputati ed il suo assistito sul risarcimento per le lesioni - ed un 18enne della città, con l'obiettivo di portar via loro tutto ciò che avevano. I due malcapitati erano stati costretti a far ricorso alle cure dei medici del Rummo, che li avevano giudicati guaribili in tre giorni per le botte ricevute al volto.

Questa mattina la conclusione del dibattimento, iniziato un anno fa, e la sentenza del collegio giudicante, diverso da quello al quale il processo era stato inizialmente assegnato, di cui faceva parte un componente legato da rapporti familiari con il sostituto procuratore che aveva diretto l'inchiesta.