Errico: "Il dramma del Sannio è la mancanza di lavoro"

Il candidato all'uninominale per Forza Italia: "Serve una detassazione importante"

errico il dramma del sannio e la mancanza di lavoro
Benevento.  

“Sicurezza, detassazione ed attenzione alle esigenze dei nostri territori. Sono questi alcuni dei temi centrali del programma di governo del centrodestra sui quali ci stiamo confrontando con i cittadini del Sannio”. A dichiararlo il candidato alla Camera dei deputati Fernando Errico che ha preso parte all’incontro organizzato a Contrada Epitaffio dagli esponenti dell’amministrazione comunale di Benevento, Antonio Reale Giovanni Quarantiello ed Adriano Reale. “E’ stato un momento di grande partecipazione - afferma Errico - ed un’occasione per incontrare i tanti cittadini e discutere con loro di problematiche vere che interessano le nostre contrade, al centro di una rinnovata attenzione da parte dell’Amministrazione locale.

Il dramma vero non solo del nostro Sannio ma del Paese intero – sottolinea il candidato forzista – è rappresentato dalla mancanza del lavoro e dall’alto livello di tassazione in Italia rispetto al quale il programma del presidente Berlusconi individua soluzioni chiare e concrete. A partire dalla flat tax, una tassa orizzontale che garantisce equità fiscale e allo stesso tempo è un incentivo agli investimenti che può far ripartire la nostra economia, favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro e il pieno sviluppo delle nostre aree industriali.

In questi incontri - aggiunge - noi ci assumiamo una responsabilità con i territori. Il nostro impegno come rappresentanti dell’intero Sannio sarà quello di portare al centro dell’azione di Governo i bisogni dei cittadini, con un’attenzione privilegiata alle famiglie, ai giovani, agli anziani e alle persone che vivono condizioni di fragilità”. Da qui l’appello di Fernando Errico ad un voto utile, alla Camera e al Senato, per la formazione guidata da Silvio Berlusconi. “Solo con una maggioranza piena – conclude – potremo mettere in atto tutti i punti del nostro programma e garantire prospettive di sviluppo reale”.