Droni, volontari e cultura: ricetta anti incivili di Mastella

Illustrato oggi il piano straordinario d'intervento per la pulizia e il decoro urbano

droni volontari e cultura ricetta anti incivili di mastella
Benevento.  

Droni, videosorveglianza, squadre speciali di operatori ed educazione dei cittadini. Questi i punti salienti del piano straordinario d'intervento per la pulizia ed il decoro urbano di Benevento, illustrati oggi a Palazzo Mosti dal sindaco di Benevento Clemente Mastella e dall'assessore Luigi De Nigris. 

Nella delbera si analizza come la situazione sia diventata preoccupante, per il vandalismo e l'inciviltà di molti che rovinano l'ambiente urbano e l'incalzante richiesta dei cittadini di pulizia. Una situazione da risolvere con il contributo di tutti, istituzioni e cittadini. Per questo arriva il piano straordinario d'intervento che si basa su due direttive: ottimizzazione degli strumenti gestionali e intervento sul piano culturale attraverso campagne di comunicazione e coinvolgimento dei cittadini. 

Il piano consta in sette tipi di interventi. Innanzitutto attività straordinarie di pulizia, assieme all'Asia che prevede l'inserimento sperimentale di tre squadre composte da tre operatori che effettueranno interventi straordinari e informeranno di ciò il Comune. 

Si prevedono poi campagne di sensibilizzazione della cittadinanza, attraverso momenti informativi, educativi e progettuali sulle bellezze cittadine, sulle azioni specifiche per la cura, l'abbellimento di zone degradate, recupero di luoghi di interesse collettivo. 

Ci sarà, inoltre, un aggiornamento del regolamento di polizia urbana, essendo l'attuale risalente al 1996 e dunque superato. Per la stesura del nuovo regolamento si prevede il coinvolgimento delle forze politiche e sociali, economiche e imprenditoriali, associazioni dei consumatori e albi professionali. 

Punto saliente sarà il rafforzamento del sistema di video sorveglianza, implementandolo con l'installazione di portali di rilevazione targhe, sistemi di videosorveglianza a bordo e telecamere mobili collegate alla sede operativa della Polizia Municipale. Anche in questo caso sarà redatto un apposito regolamento. 

Si prevede inoltre l'istituzione di varie figure, quella dell'ispettore ambientale volontario, che collaborerà con la Polizia Municipale, i singoli volontari civici e le associazioni di osservatori volontari per la sicurezza urbana.