Tra giovani e storia: il Montesarchio fa incetta di premi

La squadra caudina premiata per utilizzo dei giovani e divenuta "Benemerita" per la sua storia

tra giovani e storia il montesarchio fa incetta di premi
Montesarchio.  

Premi su premi per il Montesarchio quest'anno. Se la società calcistica guidata da Nunzio Nazzaro e dal presidente Tommaso D'Ambrosio sul campo si è fermata a un passo dall'eccellenza nella finale playoff col Vico, andando comunque ben oltre le aspettative iniziali, l'attività della società è stata premiata per la sua valenza extra calcistica.
Innanzitutto il premio “valore giovani”: con la squadra guidata da Lombardo che si è distinta per l'utilizzo di giovani talenti, ben al di sopra rispetto alle medie delle altre concorrenti.
Ieri invece la società è stata premiata come “Benemerenze”, poiché entra di diritto tra le squadre storiche del mondo dei Dilettanti. Questo il comunicato della società: “A pochi giorni dal 60esimo anniversario della fondazione della FIGC, si è tenuto l'evento NAZIONALE di premiazione delle benemerenze.
A questo hanno partecipato tutte le società d'Italia della LND aventi merito di tale onoreficenza. 
A premiarci sono state le due massime cariche in essere, il Presidente FIGC Gabriele Gravina ed il Presidente LND Cosimo Sibilia . Hanno preso parte all'evento anche tutti i Presidenti dei vari Comitati Regionali, tra cui il neo eletto Carmine Zigarelli, Presidente del CR Campania, con il quale ci siamo complimentati per la recente elezione, augurandogli buon lavoro.
Alla premiazione gradita presenza dell' ex Presidete FIGC Giancarlo Abete. l Presidente e la società tutta vuol dedicare la prestigiosa benemerenza di oggi a delle figure storiche per noi: Luigi Molinaro, Ciccio Izzo, Meluccio Caturano e Ignazio Dello Russo.
Se oggi siam qui entusiasti a ritirare questa GLORIOSA RICONOSCENZA è anche merito LORO”.