Il "Nuovo Pedale Sannita" anticipa il Giro d'Italia a Guardia

I cicloamatori di San Leucio del Sannio sono diventati i nostri inviati per la tappa sannita.

Benevento.  

Arriva il Giro d’Italia. La passione cresce. Le strade si colorano di rosa. La gente, nonostante la pandemia, non rinuncia ad applaudire i girini. E’ una tradizione. Un momento di normalità per dar seguito ad una tradizione che si tramanda di padre in figlio, da nord a sud. Quando passa il Giro si blocca tutto. Sarà così anche sabato 15 maggio quando alcuni comuni del Sannio saranno attraversati dalla carovana rosa. L’ottava tappa, che partirà da Foggia e arriverà a Guardia Sanframondi, sarà l’occasione per mostrare una cartolina del territorio sannita con il vino grande protagonista.

 

I 170 km da percorrere nell’ottava frazione non saranno una passeggiata. Si annuncia una giornata ricca di emozioni, ecco perché abbiamo deciso di percorrere le fasi finali della tappa insieme agli amici del “Nuovo Pedale Sannita”, gruppo di cicloamatori di San Leucio del Sannio che non mancano mai all’appuntamento con la corsa rosa.

I nostri “inviati speciali” hanno pedalato sulle strade che sabato verranno attraversate dai grandi del pedale senza risparmiare qualche simpatico scatto sulla salita che porta al paese e una volata finale proprio a Guardia Sanframondi che indossa già il vestito della festa.

Loro conoscono bene il percorso. Nelle settimane precedenti erano stati anche a Bocca della Selva, salita che potrebbe far saltare molte ruote veloci e permettere ai cacciatori di tappa di prendere un po’ di vantaggio. Il pronostico del “Nuovo Pedale Sannita” però è più romantico che tecnico. Su un percorso simile, infatti, sono tanti i corridori capaci di vincere. Potremo vedere all’opera anche i big che nel finale saranno nella parte iniziale del gruppo per evitare contrattempi. Ma al cuor non si comanda e i nostri cicloamatori hanno deciso di calare un tris tutto tricolore con Bettiol, il mai domo Visconti e De Marchi, che martedì si è vestito di rosa realizzando il sogno di una vita vissuta da fedele gregario.

L’aspetto romantico però ha portato i ragazzi a guardare indietro nel tempo, perché su un percorso simile, sarebbe stato bello vedere un attacco da lontano di Michele Scarponi che nel 2009 trionfò sulle strade sannite nella tappa con arrivo a Benevento. Il compianto ciclista è spesso nei pensieri di tutti i cicloamatori italiani così come l’indimenticato Marco Pantani, a cui i ragazzi che indossano la divisa arancione, dedicano spesso dei post sul proprio profilo Instagram “nuovo_pedale_sannita”  e su Facebook dove potete seguirli anche per unirvi a loro.

 

Sabato saliranno in bici per andare ad applaudire i big del pedale, ovviamente ancora nelle vesti di “inviati speciali” di Ottopagine.it, e per questo non ci resta che ringraziarli per essersi prestati al gioco. E’ da gruppi del genere che bisogna trarre degli insegnamenti per ridare slancio al ciclismo di casa nostra. In attesa che qualcosa si possa finalmente muovere non ci resta che dire: viva il ciclismo e il Giro d’Italia.