Benevento, Matera: "Lavoriamo per prenderci ciò che vogliamo"

Le parole del giocatore giallorosso dopo l'esordio dal 1' contro il Novara

benevento matera lavoriamo per prenderci cio che vogliamo
Paduli.  

Alla prima uscita vera e propria ha sorpreso per personalità, voglia di dimostrare di essere utile alla causa, insomma l’impatto è di quelli importante. Poi, nella seconda frazione di gioco, nel momento migliore del Novara, specie dopo il gol, è stato meno presente, meno coinvolto. Resta, comunque la buona prestazione di Matera che si candida per una nuova opportunità in vista del derby con la Salernitana.

SORPRESA INIZIALE – L'arrivo a Benevento e subito la convocazione per Verona con tanto di esordio, poi l'inizio nell'ultima sfida in Piemonte. Catapultato in Serie B in poco.

“Francamente non mi aspettavo di arrivare a Benevento – inizia il giocatore giallorosso – pensavo di rimanere ad Andria fino alla fine della stagione, sperando di andare via a giugno. L'ultimo giorno di mercato, poi, sono venuto a Benevento e sono stato chiamato subito per la gara al Bentegodi, con tanto di esordio. Ero alle stelle e ho sentito una certa emozione iniziale. Poi col passare dei minuti è andata meglio. Mi metto a disposizione del mister e lavoro intensamente. E' arrivata la prima da titolare, penso che questo sia il momento di battere il ferro per cercare di mettere almeno il mister in difficoltà e avere continuità”.

A Novara ha occupato, per necessità, la casella di esterno sinistro, la sua collocazione è un'altra ma non gli manca la voglia di mettersi in gioco.

“Ho sempre fatto la mezzala ma il mister mi ha parlato e mi ha detto che potrebbe usarmi in altra posizione, per questo mi ha chiesto di dare sempre il massimo. Mi piace anche questa posizione perchè mi permette di poter rientrare e calciare. Certo la rete non è la mia specialità, l'ultimo gol l'ho segnato due anni fa ma partendo da sinistra ho più probabilità.

IL PASSATO, IL PRESENTE E IL FUTURO – Di sicuro è servita tanto l'esperienza in Serie D, da quella categoria Matera ha spiccato il volo ed è arrivato in serie cadetta.

“E' stata un'esperienza di crescita. Ho preso parte al torneo di Viareggio con la Rappresentativa e abbiamo fatto bene come squadra uscendo solo con l'Inter. Personalmente ho vissuto la soddisfazione di essere premiato come miglior giovane della Serie D. Quello, insomma, è stato il periodo della svolta per me con le squadre che hanno cominciato a parlare di me. Ma alla fine sono rimasto ad Andria, il che significa che c'era ben poco di concreto. Il primo anno in Lega Pro è stato complicato, il mister non mi vedeva molto e preferiva altri giocatori, poi, col ritorno di Favarin, c'è stata la svolta ed è arrivata la chiamata del Benevento. Il mio presente è giallorosso. Ci ho messo poco a capire che c'è un gruppo fantastico, sano. Sin dal primo giorno sono stato bene, ho legato con il capitano Lucioni e con Gyamfi. Il futuro immediato si chiama Salernitana. So che i derby sono sentiti sempre, al Sud di più. Il mister ci sta preparando alla grande e stiamo lavorando sodo per prenderci ciò che vogliamo”.

Redazione