Under 17, Benevento fermato dalla Salernitana

Il pareggio finale sta stretto ai giallorossi che meritavano la vittoria

under 17 benevento fermato dalla salernitana
Benevento.  

Benevento – Salernitana 2-2

Benevento (4-3-3): Savarese; Autiero (1'st Romanelli), Montanino, Ciaravolo, Solimeno; De Rosa (35'st Alfieri), Esposito P. (20'st Maresca), Pietroluongo; Menichino, Ferraro, Garofalo. A disp.: Romano, Andreozzi, Bocchetti, Esposito E., Migliozzi, Calzolaio. All.: Romaniello

Salernitana (4-3-1-2): De Matteis (28'st De Simone); Onda, Iaiunese, Rolando (29'st Vitale), Carrino (32'pt Magliozzi); Guzzo (8'st Pellino), Buonaiuto, Porcaro (29'st Manzo); Magno (8'st Arena); Guida, Fois (8'st Cesarano). A disp.: Mastrogiovanni, Cannavale. All.: Ferraro

Arbitro: Grasso di Ariano Irpino

Assistenti: Moccia e Angelillo di Nola

Marcatori: 4'pt Guida (S), 18'pt Ferraro (B), 46'pt Guzzo (S), 3'st Garofalo (B)

Pareggio ricco di emozioni quello vissuto quest'oggi all'Avellola tra Benevento e Salernitana. Sin dai primi minuti il derby campano ha regalato spettacolo, con i giallorossi che sono andati vicinissimi al vantaggio al 2' con Garofalo, il cui tiro è stato fermato dal palo. Dopo due minuti, però, la Salernitana si è dimostrata più cinica riuscendo a gonfiare la rete: a scrivere il proprio nome sul tabellino dei marcatori è stato Guida dopo una ribattuta. La truppa di Romaniello ha caricato a testa bassa gli avversari alla ricerca del pareggio che è arrivato puntuale al 18' con Ferraro, il quale ha capitalizzato alla grande un ottimo assist di Garofalo. La terribile coppia ci ha riprovato due minuti dopo, ma questa volta l'attaccante ha spedito la palla di poco sul fondo con un colpo di testa.

Il Benevento ha calato un po' l'intensità e al 33' si è fatta vedere la Salernitana con Iaiunese che, da ottima posizione, ha spedito la palla di poco sul fondo. I granata sono riusciti a punire la Strega a pochi minuti dalla fine del primo tempo con Guzzo, il quale è stato bravo a ribadire in rete sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

Questa marcatura ha ferito il Benevento che è sceso in campo nella ripresa più agguerrito che mai. Per dare maggiore sostanza all'attacco Romaniello ha anche inserito Romanelli al posto di Autiero. La tattica dell'allenatore giallorosso è stata davvero sopraffina, con tanti attaccanti “leggeri” che si inserivano cambiandosi di posizione con i tempi giusti, mandando diverse volte in bambola la retroguardia avversaria e riuscendo anche a trovare degli spazi sulle corsie laterali. Dopo tre minuti Garofalo ha rimesso le cose a posto con un bel tiro a giro, fissando il punteggio sul 2-2. Da quel momento c'è stato un vero e proprio assedio nell'area della Salernitana: al 6' ci ha provato Pietroluongo, ma De Matteis si è opposto con un buon intervento. Al 14' lo stesso estremo difensore si è opposto su Romanelli. Il Benevento ha costruito azioni su azioni sprecando davvero tanto. Al 44' è andato vicino al gol vittoria con un colpo di testa di Montanino che ha sfiorato di pochissimo la porta. Al 50', in pieno recupero, una insidiosa punizione di Romanelli non è entrata nello specchio della porta a causa di un prodigioso intervento di De Simone.

Il derby è terminato con il risultato di 2-2. E' un pareggio che rammarica la Strega perché meritava la conquista dei tre punti. Nella prossima giornata ci sarà il Lecce in trasferta per la penultima gara del girone di andata.