Minacciarono un avvocato con la pistola, due arresti

Gli aggressori provarono a costringere il professionista a scendere a patti su una causa di lavoro

minacciarono un avvocato con la pistola due arresti
San Giuseppe Vesuviano.  

Lo scorso 21 novembre due persone  avevano picchiato e minacciato con una pistola un avvocato del Foro di Nola, nel suo studio di San Giuseppe Vesuviano, nel tentativo di costringerlo a scendere a patti su una causa di lavoro.

I due aggressori, rispettivamente di Pozzuoli e di Torre del Greco, sono stati arrestati oggi dai carabinieri con le accuse di tentata estorsione e rapina aggravate dall'uso delle armi. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Nola su richiesta della locale procura coordinata dal procuratore aggiunto Annamaria Lucchetta. 

Attraverso l’aggressione i due volevano costringere l’avvocato e il suo cliente, a cui erano stati riconosciuti 40mila euro dopo una causa di lavoro, ad accettarne solo 10mila e a rinunciare agli altri 30mila. 

Quando l'avvocato ha rifiutato la proposta "indecente" sono scattate botte e minacce. Prima di lasciare lo studio i due avevano sottratto il cellulare al professionista e danneggiato il computer.