Casola al voto tra scontri e sfiducia

Dopo che 7 consiglieri hanno sfiduciato il Sindaco Peccerillo si vota nel comune dei Monti Lattari

casola al voto tra scontri e sfiducia
Casola di Napoli.  

Casola di Napoli va al voto un anno prima del previsto. Il sindaco Mimmo Peccerillo è stato sfiduciato nell’autunno scorso da 7 consiglieri comunali, 3 di maggioranza e 4 di minoranza, e il comune dei Monti Lattari va alle elezioni dopo un breve periodo di commissariamento. 

Gli animi sono infuocati. Il sindaco sfiduciato parla di un vero e proprio attentato al paese oltre che al sindaco mentre Silvana Rosalba, consigliera di opposizione della lista “Casola nel Futuro” parla di “un'amministrazione degna di sfiducia”. “Abbiamo staccato la spina a un'amministrazione comunale ormai agonizzante e non certo al paese, che potrà trarre solo benefici da questa soluzione” scrive la ex-consigliera Rosalba sul suo profilo facebook - Un'amministrazione da tempo menomata da una giunta azzoppata, con intere aree della macchina amministrativa lasciate al loro destino. Una maggioranza da tempo dilaniata da conflitti interni, che alla fine si sono rivelati insanabili”.

Un confronto duro che ha visto Peccerillo reagire con forza agli attacchi “Non avevo il minimo sospetto che potessero accoltellarmi alle spalle - si sfoga Peccerillo - Non mi sono mai sottratto al confronto e avrei accolto le loro proposte, qualora le avessero fatte. Il problema è stato quello di non aver ricoperto più un ruolo politico piuttosto che un altro. Un atto che definisco vigliacco, perché neanche giustificato. Quale la motivazione? Ci sono infiltrazioni camorristiche al Comune? Mi andassero a denunciare. Ho rubato? Mi andassero a denunciare. Ma se queste non sono le motivazioni per attivare un tale attentato, allora chi ha perso sono loro. Ma hanno portato giù in fondo anche tutti i casolesi. Non è così che si fa politica”

Il quadro è ancora molto fluido, e si prospetta una dura campagna elettorale. Peccerillo potrebbe essere in partita il che faciliterebbe l’unione delle forze che lo hanno sfiduciato.

Per ora è attivissima la lista “Casola nel Futuro” che uscì sconfitta dalle urne del 2015 ma che potrebbe invece diventare maggioranza in primavera.