Salva Napoli, Manfredi: "E' una salvezza per la città". Niente aumento di tasse

Oggi consiglio comunale monotematico nella Sala dei Baroni

salva napoli manfredi e una salvezza per la citta niente aumento di tasse
Napoli.  

'Il Governo ci da' 1 miliardo e 300 milioni a fondo perduto, risorse che rappresentano davvero la salvezza della citta' che e' praticamente in dissesto perche' l'ultimo piano di rientro dell'amministrazione precedente non e' stato approvato. Il dissesto sarebbe il fallimento, lo smantellamento delle partecipate, il non pagamento dei debiti commerciali, il collasso finanziario''.

Così  il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, a margine del Consiglio comunale convocato per discutere del 'Patto per Napoli'. Manfredi ha sottolineato che ''l'intervento straordinario del Governo richiede alla citta' uno sforzo guardando alla possibilita' di vari aspetti in primo luogo la riscossione che e' la piu' bassa d'Italia con solo il 27 per cento delle tasse riscosse e abbiamo il debito pro capite piu' alto d'Italia''.

Tra le misure su cui puntare anche la valorizzazione del patrimonio che - ha evidenziato il sindaco - ''negli ultimi anni ha dato risultati molto negativi tra i 20-30 milioni l'anno, una cifra irrisoria''. L'assessore al Bilancio Pierpaolo baretta a margine della seduta ha dichiarato che "non ci sarà nessun aumento delle tasse, ma una efficace lotta all'evasione" 

Nella realizzazione del Piano che l'amministrazione dovra' presentare al Governo entro il 15 febbraio, si sta valutando la possibilita' di intervenire sulle tasse aeroportuali ed ''eventualmente'' su un aumento dell'Irpef nell'ordine dello 0,1 - 0,2 per cento ''soltanto per le fasce alte''. Ma è proprio sull'aumento delle tasse che l'opposizione ha prennunciato battaglia. 

« Aumentare le tasse è la strada più semplice- attacca Catello Maresca, capo dell’opposizione dell’assemblea cittadina. Mentre per Alessandra Clemente «il Patto per Napoli è una misura inadeguata e figlia di un vero e proprio bluff politico».

Maresca ha presentato un ordine del giorno a firma di tutti i gruppi di centrodestra (Maresca sindaco, Fi, FdI, Cambiamo) proposto dal consigliere Rosario Palumbo, nel quale verrà chiesto all’amministrazione «l’ampliamento della base imponibile migliorando la capacità di riscossione e di lotta all’evasione fiscale, la riduzione degli sprechi e la valorizzazione del patrimonio immobiliare anche mediante accordi con quei soggetti pubblici, nazionali e regionali». Inoltre «impegna l’amministrazione a non avvalersi della facoltà di incrementare aliquote e tariffe socialmente sensibili come l’addizionale Irpef e i canoni di locazione degli alloggi Erp, in considerazione della perurante crisi economica e sociale che la città di Napoli sta ancora attraversando, aggravatasi con gli effetti della pandemia».