Addobbare il palcoscenico di Sanremo: il sogno di due fiorai

Pasquale e Lucia Carrella, figli d'arte, alle selezioni per il festival della canzone italiana

addobbare il palcoscenico di sanremo il sogno di due fiorai
Salerno.  

Addobbare il palcoscenico del Festival di Sanremo: è questo il sogno di Pasquale e Lucia Carrella, noti floral designer e wedding planner salernitani, figli d'arte (papà Vincenzo), fioristi con oltre un secolo di storia. Domani i due fratelli parteciperanno, nella città simbolo della musica Italiana al concorso nazionale per aggiudicarsi la possibilità di addobbare il palco della più famosa manifestazione della canzone italiana. La partecipazione al concorso arriva a seguito di un seminario di tre giorni, tenutosi lo scorso giugno, al quale i fratelli hanno partecipato al fine di migliorare le tecniche e gli stili compositivi floreali da proporre durante il festival.

I fiori che verranno utilizzati rappresenteranno i simboli della produzione floreale sanremese tra cui ranuncoli, garofani, papaveri e non poteva mancare la mimosa simbolo della terra ligure nel campo del florovivaismo. Il tema stabilito dalla commissione per questo concorso sarà la "Belle Epoque", e i concorrenti si esibiranno in due prove tra cui un bouquet formale ed uno a braccio, in quanto tutti i partecipanti avranno lo stesso numero di fiori e fronte, al fine della realizzazione dei lavori. Le opere saranno giudicate e valutate da una commissione tecnica specializzata, e i primi tre classificati entreranno di diritto nella squadra degli allestitori del Sanremo 2019.

"Per noi è simbolo di prestigio - dichiarano i fratelli Carrella - sicuramente essere qui per noi è motivo di orgoglio, perché il nostro lavoro è formato da tanta passione e la mettiamo in tutto quello che facciamo. Che dire,  incrociamo le dita e speriamo in una vittoria, in ogni caso sarà stata una bella esperienza, perché Sanremo è Sanremo".

Pina Ferro