VIDEO|Lacrime e applausi "Ciao Angelo, ci mancherai"

Folla al Duomo ai funerali del sindacalista

video lacrime e applausi ciao angelo ci mancherai
Salerno.  

Disponibile, sorridente, gentile, sempre pronto a dare una mano, negli affetti, sul lavoro che diventavano un tutt'uno. Che si trattasse di stare dalla parte dei suoi lavoratori, di dare un consiglio a un giovane alle prime armi o di prendere parte con orgoglio alle celebrazioni di San Matteo. E' andato via a 59 anni circondato dall'affetto della sua Salerno Angelo De Angelis, segretario generale della Cgil Funziona pubblica. In centinaia hanno voluto partecipare al suo ultimo corteo, quello che lo ha accompagnato dalla sede della Cgil in via Manzo, dove è stata allestita la camera ardente, al Duomo cittadino, tra due ali di bandiere rosse.

Condotto a spalla dai portatori di San Matteo, ha attraversato il centro storico, una processione silenziosa e commossa, il feretro coperto dalle bandiere della Cgil, le magliette delle paranze, i simboli della sua salernitana. Tutti stretti intorno al dolore dei familiari, della moglie la signora Mariella, del figlio Mario, e del tanto amato nipotino Angelo.

Ad accoglierlo uno striscione del club del centro storico: “Le lacrime sol cancellano un orgoglioso sorriso, Angioletto i fedelissimi ti onorano da qui al paradiso”.

In una cattedrale gremita, istituzioni, gente comune, tanti lavoratori e colleghi, Don Felice Moliterno e Don Michele Pecoraro hanno voluto tracciare un ricordo di Angelo De Angelis, “un uomo affabile, dalle relazioni autentiche, la sua diplomazia non si imparava a scuola, a dettarla era il cuore”. Anche i nipoti lo hanno voluto ricordare con una lettera “pazienza, onestà, serietà, un amore per la famiglia che saranno i nostri principi di vita, resteremo sempre uniti come ci hai insegnato tu” hanno detto tra le lacrime. Così come i suoi colleghi del sindacato, tutti presenti, ad accomunarli l'affetto e tanti anni di battaglie condivise. Era così Angelo De Angelis, riusciva a stare vicino a tutti, indiscriminatamente, sempre con il sorriso e con la forza e tenacia che lo muoveva.

Ci mancherai.