Lilt e teatri salernitani insieme per la lotta al cancro

L'iniziativa per sostenere la ricerca e migliorare le attività di assistenza

lilt e teatri salernitani insieme per la lotta al cancro
Salerno.  

I teatri salernitani scendono in campo al fianco della Lilt per sostenere la ricerca sulle malattie oncologiche e il miglioramento degli specifici servizi di assistenza sanitaria.

Presentata in mattinata presso la Sala Gonfalone del Palazzo di Città l'iniziativa di solidarietà. Presenti alla conferenza il sindaco Vincenzo Napoli, il presidente della Lilt Salerno Giuseppe Pistolese e i rappresentanti del mondo del teatro salernitano che aderiscono al progetto. Gli operatori teatrali ospiteranno all’interno delle proprie strutture i raccoglitori della Lilt per le offerte dei cittadini e programmeranno serate-spettacolo i cui proventi saranno devoluti all’associazione.

Un'iniziativa dalla forte valenza sociale che mira ad aiutare e rafforzare l'attività della Lega Italiana della lotta contro i Tumori. Il presidente della Lilt Salerno ha spiegato l'opera dei tanti medici dell'associazione: "Il numero di malati oncologici a Salerno è in aumento perchè migliorata capacità diagnostica. Noi operiamo soprattutto dal punto i vista ambulatoriale e riuscire a fare una diagnosi prima consente anche di la partenza per tempo con le terapie. Dai report delle attività effettuate a cavallo del 2018 e 2019 si può vedere il numero elevatissimo di visite e attività ambulatoriali svolte, realizzate non sono soltanto in Salerno città ma estese in tutta la provincia." Un impegno notevole che ha portato a risultati concreti. 

"Tra i prossimi appuntamenti in programma c'è quello dal 14 al 22 marzo con la settimana della prevenzione nazionale. Oltre a fare attività di anticipazione diagnostica facciamo anche un attività di prevenzione terziaria e seguiamo l'inserimento dei pazienti in strutture logico operativo lavorativa. Non manchiamo, inoltre, nel dare informazioni su quella che possa essere la terapia innovativa. Proprio per questo, il 23 marzo faremo un convegno con eminenze nazionali oltre che regionali per discutere sui costi di queste nuove terapie e se i benefici sono rapportati a quelli che sono i prezzi richiesti.- continua il presidente Pistolese. -Per la realizzazione tutte queste attività nasce l'iniziativa della raccolta fondi per poterci miglirare. Un aiuto da parte di tutto il mondo teatrale e culturale che, a parer mio, è giustamente descritto nello slogan dell'iniziativa: “La cultura aiuta la solidaerità”.

L'obiettivo è, dunque, quello di coninuare ad aver risultati importanti: “Non è mai sufficiente quello che facciamo, dobbiamo ancora crescere, ma per migliorarci abbiamo bisogno di nuovi spazi e possibilità avendo ben presente che l'attività è su base volontaristica. Io sono pensionato, ma per fortuna ho fatnti collghi , pensionati e non, capaci di comprendere e aiutare in queste attività che non sono limitate nel tempo ma coprono 365 giorni, a volte bisognerebbe raddoppiare le ore per riuscire a soddisfare tutti" conclude il presidente Pistolese.