Covid 19, Arcivescovo Bellandi: "Si ometta lo scambio di pace"

"Misure precauzionali da attuare nella celebrazione della santa messa per il bene della società"

covid 19 arcivescovo bellandi si ometta lo scambio di pace
Salerno.  

L'allarme Coronavius arriva anche nel mondo ecclesiastico. Dopola positività di alcuni tamponi effettuati su pazienti campani, arrivano nuove direttive dalla Regione. In considerazione delle circostanze e in via precauzionale, l'Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, Andrea Bellandi, dopo un confronto avuto con i Vescovi della Metropolia, ha disposto alcune direttive da adottare nella celebrazione della santa messa.

Suggerimenti in linea con quelle che sono state le norme pubblicate dal Ministero della Salute da adottare soprattutto nei luoghi chiusi e affollati. 

In particolare, nella nota dell'Arcivescovo si legge: 

"si svuotino le acquasantiere,
si ometta lo scambio di pace
(gesto che, si ricorda, è facoltativo)
la Comunione eucaristica sia distribuita sulla mano (secondo le norme liturgiche vigenti)
si prendano precauzioni durante le confessioni auricolari e in contesti di contatti personali.

I sacerdoti spieghino ai fedeli che si tratta di doverose misure precauzionali, da attuare per il bene della società. Fino ad eventuali nuove comunicazioni le sante Messe saranno regolarmente celebrate, così come tutti gli altri riti sacri e le confessioni.

Al contempo,facendo nostra l'esortazione della Conferenza Episcopale Italiana, “ci impegniamo a fare la nostra parte per ridurre smarrimenti e paure, che spingerebbero a una sterile chiusura: questo è il tempo in cui ritrovare motivi di realismo, di fiducia e di speranza, che consentano di affrontare insieme questa difficile situazione”.