"Aspettando i Barbuti": dieci serate da non perdere

Terza edizione della rassegna

aspettando i barbuti dieci serate da non perdere
Salerno.  

Teatro. Non c'è due senza tre. Scena Teatro ed il Teatro dei Barbuti in tandem per la terza edizione della rassegna teatrale "Aspettando i Barbuti". Una sorta di tuffo nel passato, ricordando la “La Notte dei Barbuti” in collaborazione con l'indimenticato Peppe Natella, affidato alle amorevoli cure di Antonello De Rosa e Chiara Natella e che precede il “Festival dei Barburti” . Il palco della Chiesa di Sant'Apollonia avrà come obiettivo, per ben dieci serate, la possibilità di fornire una opportunità di confronto con il pubblico a giovani, di laboratorio e non, e compagnie esordienti . Gli onori di casa spetteranno, venerdì 5 e sabato 6 luglio, a Scena Teatro Laboratorio ed allo spettacolo “Buon compleanno” attraverso l'adattamento e la regia di Antonello De Rosa. Scena Teatro Laboratorio venerdì 12 e sabato 13, rigorosamente alle ore 21 e sempre con alla regia Antonello De Rosa, presenta “Ammazali”: da J. Trianà e con Caterina Ianni, Anna Maria Lorena Stimolo e Carmen Amoroso. Venerdì 19 è la volta di “Esercizi di stile” di R. Queneau, sabato 20 omaggio a Viviani con “Notte e giorno” e domenica 21 omaggio a Eduardo con “Pari e dispari”. La rassegna concluderà il suo lungo percorso da venerdì 26 a domenica 28, presentato da Scena Teatro Stage, con “Nozze di sangue” di F.G. Lorca.