"Sanità, basta De Luca commissario": il caso da Mattarella

Agosto: "Il governatore è titolare di 4 cariche, Governo incapace. Se ne occupi il Presidente"

sanita basta de luca commissario il caso da mattarella
Salerno.  

Il caso De Luca finisce sulla scrivania del Capo dello Stato. L'avvocato Oreste Agosto ha interessato il Presidente sul ruolo di commissario alla sanità. "Il governatore è incompatibile per legge nella carica di commissario ad acta. La legge voluta dal M5s e` allo stato inapplicata dal Consiglio dei Ministri. Quale e` il motivo?", la domanda messa nero su bianco. 

Agosto ricostruisce la vicenda: "Già dal mese di ottobre 2018 esponenti del governo, parlamentari e consiglieri regionali campani del movimento 5 stelle, con grande enfasi si vantavano di aver introdotto la norma relativa alla incompatibilita` in materia di sanita` tra governatore e commissario ad acta per il piano di rientro sanitario. Sta di fatto, che in termini concreti, il decreto legge n. 119 del 23 ottobre 2018, recante disposizioni in materia fiscale e finanziaria non ha dettato alcuna norma al riguardo. Soltanto con la legge n. 136/2018 del 18/12/2018 - sottolinea l'avvocato salernitano - e` stata prevista la norma della incompatibilita`, prevedendo che il Consiglio dei Ministri “provvede entro novanta giorni, alla nomina di un commissario ad acta per ogni regione in cui si sia determinata l'incompatibilità"

 

"Nel frattempo in Regione Campania, De Luca titolare di ben 4 cariche - governatore, commissario ad acta, oltre ad essere anche titolare della sanita` e consigliere regionale - ha continuato nella sua azione", è la denuncia di Agosto per il quale il piano regionale predisposto dallo stesso De Luca è stato avallato anche dal ministero della Salute. "In concreto, quindi, il governo ha consentito che il commissario ad acta continuasse nel suo iter in materia sanitaria, con gravissime ripercussioni sui livelli essenziali di assistenza".

E nel mirino finisce lo stesso ministro Giulia Grillo, la quale "preannunciava che nel mese di gennaio sarebbe stato nominato un nuovo commissario ad acta. Dopo altri due mesi nulla di fatto. Il termine previsto dalla legge n. 136/2018, di 90 giorni, per la nomina del nuovo commissario, e` scaduto e rimane in carica un commissario incompatibile. Il governo ed il ministero della salute - è il duro atto d'accusa - stanno dimostrando la loro incapacita` a risolvere il problema sanitario non solo nella regione Campania, fra le ultime in Italia. Chiediamo al Presidente della Repubblica l’autorevole intervento per l’immediata applicazione della legge".