Indifferenza per i granata, siparietto Gregucci-A. Anderson

Un centinaio di tifosi al Volpe per la ripresa degli allenamenti, il tecnico prova il 3-4-1-2

indifferenza per i granata siparietto gregucci a anderson
Salerno.  

Un clima d'indifferenza e a tratti surreale ha fatto da “cornice” alla seduta di allenamento svolta questo pomeriggio al campo Volpe dalla Salernitana. Un centinaio circa i tifosi che, approfittando del primo sole, hanno risposto alla chiamata della proprietà che, dopo il ko di Brescia, ha deciso di aprire i cancelli del centro sportivo di via Allende.

Qualche fischio ha salutato l'ingresso in campo dei calciatori che, dopo mezz'ora di lavoro in palestra, alle 15,30 hanno iniziato a lavorare sotto lo sguardo di Angelo Gregucci. Il tecnico ha provato con insistenza i movimenti del 3-4-1-2, modulo su cui sembra intenzionato a puntare in vista della sfida di sabato contro il Carpi. Da un lato il trainer della Salernitana ha provato Mazzarani alle spalle di Jallow e Calaiò; dall'altro lato c'era André Anderson nel ruolo di trequartista, a supporto di Vuletich e Orlando.

Non hanno preso parte alla seduta, oltre agli infortunati Perticone e Bernardini anche Migliorini e Djuric che sono rimasti a riposo. Rosina, invece, ha svolto una prima parte di esercitazioni in campo per poi spostarsi in palestra. Il tecnico utilizzerà i prossimi giorni per sciogliere alcuni dubbi, alcuni dei quali legati anche alle condizioni dei suoi uomini. Se Migliorini non dovesse farcela, in difesa potrebbe rivedersi dal 1' Schiavi con Pucino e Mantovani. In mediana insieme a Di Tacchio potrebbe avere una nuova chance Minala, con Lopez e Casasola sulle corsie esterne. In tre per una maglia nel ruolo di trequartista: Rosina, André Anderson o Mazzarani. In avanti al fianco di Djuric dovrebbe rivedersi Calaiò.

Sul finire della seduta Gregucci si è intrattenuto a lungo con André Anderson, soffermandosi sui movimenti da fare a supporto delle punte. Una sorta di allenamento personalizzato per il brasiliano che, però, è terminato con un siparietto tutto da decifrare. Mentre un compagno di squadra effettuava l'esercizio, l'italo-brasiliano si è accomodato sul prato, sfilandosi lo scarpino. Gregucci si è avvicinato al calciatore per capire cosa fosse accaduto. Dopo una breve confronto, il tecnico ha afferrato lo scarpino del calciatore e lo ha lanciato verso la panchina. Il 19enne, a quel punto, è rientrato negli spogliatoi, salvo poi tornare sul terreno di gioco con un altro scarpino. Dopo essersi confrontato nuovamente con l'allenatore, A. Anderson - che sembrava in rampa di lancio per una maglia da titolare - è rientrato definitivamente negli spogliatoi.