Ventura: «Dispiace per ko ma soddisfatto per il gioco creato»

Il tecnico nel post-gara di Venezia: «Fatto un passo avanti, è un po’ bizzarro ma è così

ventura dispiace per ko ma soddisfatto per il gioco creato

«Oggi c’è un po’ di rammarico per il risultato ma sotto il profilo del gioco sono molto più contento di quando avevamo vinto». Non fa drammi Gian Piero Ventura per il ko subito dalla Salernitana sul campo del Venezia. «A Trapani avevamo vinto facendo una partita non straordinaria, contro il Venezia abbiamo creato molto, due pali, un gol annullato e altre situazioni», ha detto il tecnico del cavalluccio marino ai microfoni di Ottochannel, nel corso della trasmissione Offside. «Nella ripresa abbiamo spinto un po’ meno, con l’ingresso di Jallow li abbiamo schiacciati ma non siamo riusciti a pareggiare. Per me abbiamo fatto un passo avanti, è un po’ bizzarro ma è così. Potevamo fare meglio ma diverse situazioni sono state creare: ad esempio siamo arrivati sul vertice dell’area di rigore e siamo tornati indietro piuttosto che andare avanti. Su questo dobbiamo lavorare. C’è rammarico per il risultato ma sono soddisfatto per la prova».

Le buone notizie sono legate ai recuperi di Jallow e Lombardi. «I tre che sono entrati sono entrati con lo spirito giusto. Jallow sta ritornando pian piano, Lombardi ha fatto i primi venti minuti del campionato. È un gruppo che sta lavorando, Kiyine ha cambiato tre ruoli in tre partite consecutive. Abbiamo vissuto un’emergenza enorme. Ora si vedono le prime speranze di luce.

Cicerelli non so se riusciremo a recuperarlo. Spero che prima o poi avrò a disposizione anche Akpa Apro. L’arbitraggio? Non parlo mai dell’arbitro. Son stato ammonito perché ho messo il piede fuori dall’area tecnica. Al di là del gol che poteva essere valido o meno, ritengo che solitamente uno dovrebbe avere un metro comune. Ma l’arbitro non ha inciso minimamente sul risultato».