Svolta in serie B: dal prossimo anno arriva il Var

Balata: «È importante per una questione di trasparenza e di serenità»

svolta in serie b dal prossimo anno arriva il var

Il Var sbarca anche in serie B. È quanto stabilito dall’assemblea di Lega B riunitasi oggi a Milano alla presenza di tutte le società che hanno dato il via libera all’introduzione del Video Assistant Referee. Nel girone di ritorno inizierà la fase sperimentale come richiesto dal protocollo IFAB per la formazione della classe arbitrale, una fase off-line che sarà preludio dell’ingresso della tecnologia nei playoff e playout e quindi integralmente da tutta la prossima stagione. «Non è stato un discorso facile. Lo abbiamo affrontato con tutto lo staff della Lega e con tutte le società», ha dichiarato il presidente Mauro Balata. «Prima dell’introduzione della tecnologia ci sarà una sperimentazione offline, prosecuzione di quanto già iniziato dallo scorso agosto a Sportilia. Il Var è importante per una questione di trasparenza e di serenità. Ogni decisione rivista con il sistema tecnologico, nell’ambito del protocollo, rende il clima più sereno. Con questa svolta confermiamo la nostra capacità di innovare. È un passo significativo per la crescita di valore del prodotto Serie B, perché avere una tecnologia così importante vuol dire valorizzarlo ancora di più».

In apertura di assemblea la Lega B ha deciso d’intervenire contribuendo con una cifra di 80mila euro alla raccolta fondi istituita per aiutare la città di Venezia, riservandosi poi di decidere insieme alle istituzioni locali e al club del presidente Joe Tacopina il progetto sociale, sportivo o culturale da sostenere. Inoltre, insieme alla Lega Serie A, in occasione della 13esima e della 14esima giornata della Serie A Tim e della Serie BKT, verrà promosso su tutti i campi e sui canali di comunicazione il numero per la raccolta fondi 45500, attivato dalla Protezione civile. Il presidente Balata ha poi condiviso il programma delle iniziative per B come Bambini, il progetto della Lega B a sostegno dei familiari dei pazienti ricoverati nei principali ospedali pediatrici italiani, e illustrato le azioni relative alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, celebrata in tutto il mondo il 25 novembre, previste nel prossimo weekend di campionato.