Salernitana, Ventura: «Test difficile ma dobbiamo rialzarci»

Il tecnico granata: «L'Ascoli ha tanta qualità. Heurtaux domani giocherà con la Primavera»

salernitana ventura test difficile ma dobbiamo rialzarci
Salerno.  

Mister, contro l'Ascoli ci saranno diverse defezioni. Cambia qualcosa?

Abbiamo ripreso ad avere un po' di emergenza per varie vicissitudini. Non ci siamo lamentati quando era enorme, non ci lamentiamo ora che è notevole. Abbiamo una rosa a disposizione, chi va in campo sarà pronto per giocare.

Come si viene fuori da questa situazione?

Soltanto lavorando. Io sono soddisfatto di come stanno lavorando, sono convinto che abbiamo lasciato per strada tanti punti per nostra responsabilità. È un aspetto su cui dobbiamo migliorare. Una vittoria non cancella quanto non è andato così come una sconfitta non cancella quanto è stato costruito. I numeri dicono che costruiamo tanto ma finalizziamo poco.

È un problema di quantità o di qualità?

Quando c'è un problema è di varia natura. È evidente che dobbiamo migliorare, sullo sviluppo del gioco siamo migliorati, dobbiamo migliorare in fase di finalizzazione. Detto questo, però, devo dire che durante la settimana vedo un tentativo di crescita e di applicazione. Dopo ogni partita facciamo disquisizioni, poi le somme si tirano alla fine.

È un momento particolare?

No, è semplicemente un momento in cui abbiamo perso due partite. Abbiamo lavorato con entusiasmo, abbiamo bypassato ricordi vecchi. Se, invece, mi dici che veniamo da due sconfitte consecutive e che quindi è una partita importante, sì. Dobbiamo provare a far risultato. 

Quando si tireranno le somme?

Mancavo da 12 anni in serie B ma non è cambiata. I campionati si giocano a marzo, aprile. Basta pensare che c'erano squadre che a fine girone d'andata erano prime e poi sono retrocesse.

Il gruppo che ha è adatto per il lavoro che chiede?

La stragrande maggioranza dei giocatori sono adatti a questo lavoro, qualcuno si adatta. Se arriva qualcuno a darci una mano è bene, se arriva qualcuno come quelli che abbiamo non serve.

Che squadra è l'Ascoli?

È una buona squadra, ha qualità. Basti pensare che l'attaccante dell'Under 21, Scamacca sta in panchina, non so se domani giocherà. Ma il problema non sono loro, siamo noi e l'approccio che avremo alla gara. Zanetti, il loro allenatore, è stato mio giocatore, ha fatto ritiro con me. Il ricordo è di un professionista, poi andò via.

Come sta Billong?

Spero che stia bene, si è allenato, probabilmente avrebbe avuto bisogno di ancora un po' di tempo se non ci fosse stata la squalifica ma tanta è la voglia di giocare che va a sopperire ad alcuni mesi d'inattività.

Mezzaroma è stato in città. Quanto importante la presenza del co-patron?

Ha fatto piacere, come fa piacere quando viene Lotito. Ai calciatori fa piacere perché percepiscono la presenza della proprietà.

Ci sono giocatori di qualità sul mercato?

Sì che ci sono. Dipende cosa intendi per giocatori di qualità. Non faccio nomi. Giocatore di qualità s'intende che abbiano le caratteristiche per dare un contributo qualitativo. Basti pensare a tutti i giocatori che hanno preso le big e non stanno rendendo come ci si aspettava.

Quali errori sono evitabili?

Ce ne sono alcuni che non sono neanche più ripetibili, tipo quello commesso a Castellammare in occasione del primo gol. Almeno sette situazioni clamorose avute e non finalizzi. Tutto questo non esiste più. Ci sono errori che non vanno ripetuti.

Heurtaux?

Heurtaux domani va a giocare con la Primavera, sperando che inizi a mettersi in condizione. Con me ho fatto un allenamento e mezzo, speriamo arrivi quanto prima il suo momento.