Chievo-Verona-Salernitana, Ventura: "Ennesima verifica"

Il tecnico presenta la sfida di domani al Bentegodi: "La classifica lascia il tempo che trova"

chievo verona salernitana ventura ennesima verifica
Salerno.  

Gian Piero Ventura presenta la sfida in programma domani sera al Bentegodi tra Chievo Verona e Salernitana

Mister, quanto è importante questa sfida contro il Chievo Verona?

Ogni partita ha stessa valenza, è importante per capire cosa vogliamo, se dall'approccio, per capire quello che siamo in grado di fare contro una squadra forte. L'ennesima verifica importante che non cambia molto rispetto a quella di domenica scorsa. Non conta chi affronti ma chi sei tu. 

La spensieratezza rischia di essere presa in contropiede da una classifica diversa?

Non ho questa esigenza. È presto, la classifica lascia il tempo che trova in questo momento. Io credo ai fatti, al campo, alla preparazione di una partita, alla determinazione con cui ci arrivi. Cose che sembrano astratte ma sono fondamentale per la crescita di una squadra.

Ritorna a Verona. Cosa rappresenta?

Rappresenta una partita difficile per noi, nient'altro. Quando sono andato a Verona sono andato per il rapporto che avevo con Campedelli, è andata come è andata ed è finita lì. La mia stima per il Chievo e per Campedelli è assoluta. Il problema grosso è il Chievo, una squadra che sta ottenendo meno di quello che sta creando. È una partita estremamente delicata.

Ci saranno novità in termini di uomini?

Adesso andiamo incontro a una serie di partite dovuto a un calendario bizzarro. È evidente che ci saranno cambiamenti. Dobbiamo dare il tempo di recuperare ai calciatori. Ci sono delle situazioni in cui diventa difficile ruotare, perché ci sono calciatori che hanno delle caratteristiche che altri non hanno. Ma questo è un gruppo che ha lavorato in simbiosi. 

Heurtaux non è convocato?

Ha avuto un fastidio in allenamento ieri, per precauzione lo abbiamo lasciato a casa.

Jallow non gioca da un po', potrebbe essere arrivato il suo momento?

Jallow ha lavorato per migliorarsi, rimangono invariate le sue caratteristiche. Ora mastica un calcio a cui non era abituato, è vero che non ha giocato in quest'ultimo periodo ma Jallow è un giocatore su cui conto molto di più.

Possibile il passaggio al 4-4-2?

Una volta sola l'ho utilizzato. Noi proviamo tutte le settimane per essere pronti a cambiare a seconda dell'avversario. Se ci sarà la possibilità lo faremo.