Salernitana, la rabbia del tifo: «Stanchi di vivere delusioni»

«Lotito deve investire seriamente, qui non si possono fare esperimenti»

salernitana la rabbia del tifo stanchi di vivere delusioni
Salerno.  

L'umore della tifoseria granata è nero come il cielo che oggi pomeriggio sovrasta Salerno. La mancata qualificazione ai play-off e il successivo addio di Ventura hanno contribuito ad alimentare il clima di scetticismo che da tempo si respira negli ambienti del tifo salernitano. L'ennesima stagione chiusa in modo deludente ha rappresentato una mazzata per i supporters del cavalluccio marino che avevano sperato di poter conquistare almeno un posto nei play-off. «Siamo arrabbiati e delusi», le parole di Riccardo Santoro, presidente del Centro di Coordinamento Salernitana Club. «Avevamo sperato almeno nei playoff ma ieri abbiamo approcciato senza mordente la gara più importante della stagione. È giunto il momento che questa società faccia chiarezza su quali siano i programmi che intende realizzare nella nostra città. Siamo stanchi di dover ingoiare bocconi amari».

Sulla stessa linea anche Antonio Carmando del club Mai Sola. «La rabbia è tanta. Chiudiamo in modo anonimo il quinto campionato consecutivo di serie B. Salerno non è una piazza nella quale si possono fare esperimenti, qui si deve giocare per vincere. Adesso la società deve venire allo scoperto. Per il dopo Ventura è necessario prendere un allenatore che ci faccia vedere un po' di calcio. Ma riteniamo importante, se davvero si vuole ambire a qualcosa d'importane, non smantellare questa squadra, confermando i migliori. È evidente che la rosa va un po' svecchiata ma non si deve perdere il lavoro fatto in questi anni. I calciatori che non hanno voglia di dare il massimo per questa maglia possono andare altrove. Lotito deve investire seriamente perché in passato, quando ha voluto, ha vinto».