D'Agostino: "D'Angelo? Chi vi dice che non torna ad Avellino"

Sul web i tifosi si dividono sull'eventuale ritorno in Irpinia dell'ex capitano

d agostino d angelo chi vi dice che non torna ad avellino
Avellino.  

“D'Angelo? Chi vi dice che non se ne torna ad Avellino?” Non smette di risuonare l'eco delle parole pronunciate dal presidente della Casertana, Giuseppe D'Agostino, nel corso della conferenza stampa di presentazione del neo-tecnico dei falchetti, Ciro Ginestra, e del nuovo responsabile dell’area tecnica, Salvatore Violante.

L'episodio è ormai noto. Come detto ed evidenziato nell'estratto del video tratto dalla pagina facebook del club di Terra di Lavoro (clicca sul pulsante "play", al centro della foto, per vederlo), il numero uno dei rossoblu si è sbilanciato nel momento in cui sono state mosse una serie di critiche all'ex capitano dei biancoverdi. Dopo aver evidenziato di aver multato il centrocampista di Ascea in seguito all'espulsione nel corso del recupero della gara dello scorso 3 marzo, contro la Juve Stabia, sempre in risposta al giornalista presente in sala che criticava le dichiarazioni rese a gennaio dallo stesso D'Angelo, attraverso cui lo stesso non aveva nascosto che gli avrebbe fatto piacere tornare ad Avellino (da qui la domanda sul perché non avesse effettivamente assecondato il proprio desiderio, ndr), D'Agostino ha sbottato non escludendo, con il commento sopra citato, che ciò possa accadere nella prossima finestra di mercato.

In rete, intanto, la vicenda è diventata virale acuendo la frattura tra chi vorrebbe rivedere D'Angelo all'ombra del Partenio e chi, invece, ha considerato il trasferimento alla Casertana nella passata stagione, in seguito alla mancata ammissione in Serie B del club, come un tradimento imperdonabile. Molteplici, in tal senso, le citazioni di Morero come vero esempio di attaccamento alla maglia. Stesso discorso per Castaldo, non direttamente coinvolto dal botta e risposta, ma che divide i supporter nel momento in cui si ipotizza un suo rientro in Irpinia.

Va ricordato che sia D'Angelo, sia Castaldo, hanno ancora due anni di contratto con la Casertana, ma, come lasciato intendere dallo stesso D'Agostino, i vincoli rappresenterebbero davvero l'ultimo ostacolo per quanto riguarda un ritorno al passato rispetto alle motivazioni di far parte del progetto. Resta da valutare, soprattutto in base alle strategie della società irpina, se uno e entrambi gli ex rientrino nei piani a breve e lungo termine, non solo per aspetti tecnici o tattici; che vengono prima di ogni tipo di valutazione di carattere "sentimentale".