Melillo: "Tanti nomi, per tutti noi sarà sempre la Scandone"

"Di padre in figlio": il libro che ripercorre la storia della Scandone dal '48 ad oggi

melillo tanti nomi per tutti noi sara sempre la scandone
Avellino.  

 

di Carmine Quaglia

Nella Sala Grasso di Palazzo Caracciolo, sede della Provincia di Avellino, è stato presentato il libro "Di padre in figlio" scritto dai giornalisti Generoso Picone, Giovanbattista La Rosa e Giuseppe Matarazzo e che ripercorre, attraverso interviste e aneddoti, la storia della Scandone, nata nel 1948. 

"Tanti nomi, ma per noi sarà sempre e solo la Scandone": così lo storico presidente del club biancoverde, Ciro Melillo all'apertura del suo intervento. "Tutto è nato 70 anni fa, a via De Conciliis, con ragazzi che da autodidatti giocavano a pallacanestro. Solo con il professore Grimaldi si è creata una prima vera squadra con i militari della Caserma Berardi. Lungo il cammino, la Scandone ha trovato tanti amici che l'hanno affiancata come sponsor. Anche gli amministratori ci sono stati vicini: su tutti, Antonio Di Nunno. Il libro racconta il nostro percorso".

Poi una battuta sul ko della Scandone con la Virtus Bologna: "Come sentite, ho poca voce. La colpa è tutta loro per la sconfitta di ieri". Con il sorriso, Melillo si riferisce a Nicola Alberani, al quale rivolge anche una richiesta: "Va ripristinato quanto prima il Torneo Vito Lepore che deve diventare il "Vito Lepore - Mimmo Bellizzi". E' quanto vogliono le famiglie di due cestisti decisivi nella storia della Scandone. Il termine favola non mi piace per la nostra società. La Scandone non è una favola. E' una realtà".

"Abbiamo ritenuto opportuno ricostruire la storia. Il libro è l'espressione di quello che volevamo creare. - ha spiegato Generoso Picone che ha lanciato l'iniziativa del libro per i 70 anni della Scandone - Avellino vive la massima serie da 19 anni, ma non va dimenticato il passato. La comunità deve essere orgogliosa di una storia lunga 70 anni: di fatto un'eccezione per questa città".

Nelle prossime ore, sul canale 696 TV OttoChannel, lo speciale sull'evento.