Scandone a Pozzuoli, la necessità del primo colpaccio

Coach De Gennaro ha richiesto lo sprint in campo esterno: missione al PalaErrico per i biancoverdi

scandone a pozzuoli la necessita del primo colpaccio
Avellino.  

È il giorno del derby. Alle 19, la Scandone Avellino scenderà in campo per affrontare la Virtus Bava Pozzuoli al PalaErrico. Coach Gianluca De Gennaro, nel presentare la sfida, è stato molto chiaro: una gara definita importantissima dal tecnico avellinese: "importantissima per la nostra classifica, abbiamo bisogno di fare punti e, nonostante giochiamo fuori casa, mi aspetto una prova molto solida del collettivo, per poter strappare due punti preziosi".

Il pregara - Diversi gli spunti offerti in conferenza dal coach irpino. Avellino va a caccia del primo successo esterno e la necessità del primo colpaccio è chiara. Può offrire maggior convinzione ad un gruppo che, ora, in campo ha la forza per sviluppare contenuti tecnico-tattici sui 40 minuti dopo un avvio stagionale fortemente condizionato dalla mancata preparazione e da una costruzione del roster avvenuta, di fatto, nel corso delle settimane. Se in casa sono arrivate le prime soddisfazioni, alla Scandone tocca ora centrare la prima vittoria lontana dal PalaDelMauro. Necessità, ma quasi un obbligo: evitare le pressioni, ma riconoscendo la fase. Questo l'obiettivo in casa Scandone verso il match con Pozzuoli. La Virtus Bava non ha nascosto, dal canto suo, la volontà di rilancio dopo un momento delicato. Per Avellino è stata un'altra settimana di difficoltà: febbre per Bruno Ondo Mengue, contrattura al quadricipite e alcune sedute saltate per Giuseppe De Leo, fastidio alla schiena per Hugo Erkmaa. Limiti oggettivi, ma alla Scandone occorre l'extrasforzo per vivere in modo diverso il finale del 2019.

Gli arbitri - Pozzuoli-Avellino sarà diretta dai signori Mauro Davide Barbieri di Roma e Eugenio Roberti di Roma (osservatore Lorenzo Natale di Napoli, segnapunti Antonio Scalera di San Marco Evangelista, cronometrista Marina Di Francia di Pozzuoli, addetto ai 24 secondi Mario Ceci di Maddaloni).