Scudetto 2015, finale thrilling: Reggio vince e vola sul 3-2

Mercoledì, al PalaSerradimigni, sarà match point Scudetto per gli emiliani

scudetto 2015 finale thrilling reggio vince e vola sul 3 2
Avellino.  

Un altro epilogo thrilling per una Finale Scudetto dalle emozioni infinite: la Grissin Bon Reggio Emilia supera il Banco di Sardegna Sassari con il finale di 71-67 in Gara 5 e vola sul 3-2 nella serie. Mercoledì sera, al PalaSerradimigni di Sassari, i biancorossi di coach Menetti avranno a disposizione il primo match-point per il tricolore. Dopo aver impattato la serie dallo 0-2, la Dinamo torna spalle a muro e sarà costretta al successo per allungare la serie alla bella di Gara 7. Per la Grissin Bon, che in serata ha dovuto fare a meno, oltre ai lungodegenti Drake Diener e Federico Mussini, anche di Darjus Lavrinovic, impiegato solo quattro minuti, risultano decisivi Ojars Silins (14 punti), Achille Polonara (13 punti e 10 rimbalzi) e l'eterno Rimantas Kaukenas (10 punti). Ai sardi, che pagano in Gara 5 una pessima percentuale da 3 punti (2/25 da oltre l'arco dei 6,75 per l'8 per cento), non basta uno straripante Shane Lawal (17 punti e 21 rimbalzi), coadiuvato da Rakim Sanders (19 punti).

La cronaca degli ultimi cinque minuti di gioco. Ad un ottimo avvio di Lawal nell'ultimo periodo, Reggio risponde con Polonara e Cervi che determinano il 57-55 al 35'. Poco dopo, il lungo finalizza l'alley-oop di Cinciarini per il +6 (63-57 al 36'). Dopo 22 conclusioni errate da oltre l'arco, Sassari si sblocca da tre punti nel momento più difficile con Edgar Sosa. Silins rilancia la Grissin Bon, ma è ancora Sanders a colpire per la Dinamo da 3. Alcune forzature reggiane ridanno ossigeno a Sassari che è sotto di 2 ad ottanta secondi dal termine. Silins stoppa Dyson con il play a commettere fallo immediato, mandando in lunetta il lettone. A segno con il primo, Silins sbaglia il secondo, ma Polonara è abile a catturare il rimbalzo, garantendo un extra-possesso ai reggiani che però non sfruttano a dovere l'occasione per allungare. Sosa perde palla ed è seguito poco dopo da Kaukenas: su palla recuperata, Sanders va a schiacciare in contropiede il -1 (66-65 a 17" dal termine). Cinciarini non sbaglia i liberi che regalano il possesso pieno di vantaggio (68-65). Reggio Emilia sfrutta i falli prima del bonus e accorcia sino a 9 i secondi a disposizione della Dinamo. Al fallo di Kaukenas, è lunetta per Dyson che fa 2/2 (68-67 e time-out Reggio). A 5 secondi dalla fine, soluzione inversa: è Dyson a mandare in lunetta Kaukenas. Il lituano fa solo 1/2 per il 69-67 con time-out Sassari. Sulla metà campo offensiva, Sosa in rimessa serve Dyson che attacca Kaukenas. Il play sbraccia sull'ex Siena e per Sabetta è fallo in attacco. Cinciarini, mandato ai liberi, sigla il 71-67 che regala il 3-2 e il match-point Scudetto ai reggiani.

Carmine Quaglia