Bucchi: "Sono contento del mercato. Adesso tocca a noi"

"Ringrazio Vigorito e Foggia. La rosa è completa"

bucchi sono contento del mercato adesso tocca a noi
Benevento.  

In conferenza stampa è stato abbastanza chiaro: “Voglio Buonaiuto”. Richiesta esaudita, con il mercato giallorosso che si è chiuso proprio con l'innesto dell'esterno offensivo di Terracina. Bucchi si può definire soddisfatto per la rosa messa a disposizione dalla società: “Sono molto contento. Ringrazio il presidente Vigorito e il direttore sportivo Foggia che hanno costruito una squadra molto competitiva. Adesso spetta a me e al mio staff ripagare tanta fiducia. L'innesto di Buonaiuto ci permette di completare un ruolo in cui eravamo un po' scoperti. In ogni reparto abbiamo tanti calciatori di ottimo livello che possono alternarsi”.

Il Benevento è reduce da due amichevoli, di cui una persa contro il Frosinone: “Volevamo mettere sotto pressione il gruppo perché siamo a ridosso del campionato. In settimana abbiamo lavorato tantissimo e siamo arrivati stanchi ai test. L'ho fatto volutamente per crearci delle difficoltà. Le risposte sono state buone in entrambe le amichevoli. Contro il Frosinone abbiamo cominciato bene, peccato per il risultato che mi fa arrabbiare molto perché non era una gara da perdere per 4-1. Ci sono state delle ingenuità che dimostrano quanto sia fatale commetterle contro compagini di livello. Ci servirà anche questo per proseguire nel migliore dei modi. Siamo anche riusciti ad accorciare le distanze con Improta, ma alla fine la stanchezza ha prevalso e abbiamo subito altri due gol in contropiede. Dobbiamo continuare a lavorare su determinati aspetti, anche se credo che questo risultato possa essere un punto di partenza. Un commento sul precampionato? Al di là della vittoria di Udine lo definisco ottimo, soprattutto perché ha permesso di cementare meglio il gruppo. Stiamo lavorando con compattezza”.

Una parentesi sul calendario: “Per noi le prime tre giornate sono un po' a sorpresa, dato che esordiamo con un posticipo e poi dobbiamo stare fermi due settimane. Dovremo essere bravi a metabolizzare questa situazione per entrare subito in clima campionato. In virtù di ciò sono fondamentali le amichevoli che abbiamo disputato per trovare il giusto ritmo”.

Ical