Bucchi: "Col Livorno un Benevento più cattivo"

Parla il tecnico dei giallorossi

bucchi col livorno un benevento piu cattivo
Benevento.  

Parla Bucchi in conferenza stampa aspettando la sfida di domani sera col Livorno. Il primo quesito, l'assenza di Antei dai convocati:

"La partita di Pescara è stata per lui un test importante per capire a che punto fosse la preparazione generale, fino ad allora non era mai stato visto in una gara vera: c'è stata la possibilità, ma anche qualche problema seppur normale, così l'abbiamo lasciato tranquillo, è un periodo lungo, non dobbiamo affrettare i tempi".

Gli altri acciaccati hanno recuperato.

"Costa si è allenato da inizio settimana col gruppo e anche Bandinelli e Nocerino, saranno a disposizione per giocare dal primo minuto".

Il tempo per provare qualche variazione c'è stato ma Bucchi risponde:

"Non mi piace parlare di moduli: la base è il 4-3-3. Le sconfitte non sono dipese da questo. Serve una sana serenità. Se avremo degli equilibri saremo una squadra forte. Dovremo essere più cattivi agonisticamente: a Pescara gli avversari picchiavano e minacciavano, noi troppo molli. Dobbiamo calarci nella categoria. La partita di Pescara non mi ha messo nessun dubbio: prestazione sbagliata da parte di tutti. Il nostro inizio di campionato è stato condizionato dall'andamento, dal non aver giocato tanto. Ora cercherò di dare continuità al gruppo, sfruttare risorse fisiche e mentali per puntare su un blocco base".

E sul Livorno:

"Partita difficilissima, lo dico sempre: non ci sono sfide abbordabili, se le giochi bene puoi vincere, se le approcci male puoi perdere. Contano anche i momenti: i toscani venderanno cara la pelle, noi dovremo pareggire l'aspetto agonistico, senza farci prendere dalla foga di vincere dopo 5 minuti. Essere una squadra sempre".

Non potevano mancare gli auguri a Puggioni...

"Ci ha offerto la cena. Se dovessimo avere bisogno di un avvocato, sapremo a chi rivolgerci".