Benevento, le pagelle. Maggio da urlo, Moncini benvenuto

Caldirola e Volta senza problemi, ingenuità di Letizia

benevento le pagelle maggio da urlo moncini benvenuto
Benevento.  

Una pausa brevissima, subito il ritorno alla vittoria. Il Benevento riprende la marcia forzata, consapevole che nulla gli sarà regalato. Partita di grande sacrificio contro un avversario che non consente di giocare un solo pallone “pulito”, che spesso travalica l'aspetto fisico e entra in quello del gioco falloso. Una nota di merito in più per la capolista. Ecco le pagelle.

Montipò 6 – La consueta partita del portiere giallorosso. Non è mai impegnato seriamente dagli avversari e prende gol senza colpe su calcio di rigore battuto dallo specialista Iori. 

Maggio 8 – Ormai gli aggettivi per il capitano giallorosso sono sempre più difficili da ricercare. Nella sua terra (la sua Montecchio è a 45 chilometri da Cittadella) trova un'altra perla della sua stagione, sublimata dal gol della vittoria con un perentorio stacco di testa. Sempre determinato e attento su ogni pallone, anche prima del gol.

Volta 7 – Bella prova del difensore lombardo che è sempre attento e preciso nelle chiusure. Stanco gli scappa solo in occasione del rigore. Peccato. 

Caldirola 7 – La solita prestazione di sostanza da parte del “tedesco”, che va a colpire anche un palo con un colpo di testa. 

Letizia 6,5 – Una ingenuità grande in occasione del rigore. Stanco si ferma e da lì non avrebbe potuto essere pericoloso, lui lo tocca quel poco per farlo cadere. Il fallo è veramente lieve, ma l'ingenuità rimane.

Hetemaj 6,5 – Un buon rientro per il mediano ex Chievo, che viene sacrificato per dare spazio ad un esterno nel momento in cui il Benevento rimane con l'uomo in più.

13' st Improta 6,5 – Entra come sempre con grande concentrazione e spinge tantissimo. E' una mossa vincente sempre.

Schiattarella 7 – Accelera e frena la velocità della manovra a suo piacimento. Grande regia e ottima prestazione.

Viola 6,5 – Non trova molti spazi sulla sinistra e perde qualche pallone di troppo, cosa che non fa parte del suo repertorio di classe.

Insigne 6 – La scelta di Inzaghi è votata a dare più agilità alla manovra offensiva. Roby gioca a corrente alternata e poi si mangia un gol che grida vendetta.

32' st Kragl 6,5 – Entra per dare sostanza e forza fisica alla manovra giallorossa e neanche a dirlo, proprio dal suo piede parte il cross per la testa di Maggio in occasione del gol.

Sau 6,5 – Non riesce a tramutare in gol l'azione a metà del primo tempo: perde l'equilibrio e il portiere veneto lo frena in qualche maniera. Sempre utile, anche senza segnare.

17' st Moncini 7 – Prima li saluta tutti, poi li fredda con un gol dei suoi con un colpo di testa sul secondo palo. Non esulta, ma è raggiante per questo suo primo gol in giallorosso.

Coda 6,5 – Solito grande lavoro in attacco, ma anche qualche errore di troppo in appoggio e in conclusione. 

All.: Inzaghi 7 – Dice che quando si hanno quei giocatori è difficile sbagliare. In realtà la squadra cambia assetto prpoprio nel momento più opportuno. Con l'uomo in più il 4-4-2 diventa il modulo più adatto e il risultato gli dà ancora una volta ragione.