Benevento, Inzaghi: "A Roma a testa alta e con mentalità"

Il tecnico giallorosso: "Affrontare simili squadre deve essere un divertimento"

benevento inzaghi a roma a testa alta e con mentalita
Benevento.  

Torna la conferenza stampa di Pippo Inzaghi che ha presentato l’incontro di domenica, in programma allo stadio Olimpico contro la Roma di Paulo Fonseca. Il tecnico giallorosso ha esordito nel parlare della condizione dei singoli, in particolar modo dei rientranti dalle Nazionali: 

"Stanno bene. Fortunatamente giochiamo domenica sera, quindi hanno tempo per recuperare. Saranno della partita, ma adesso ho ancora due allenamenti per decidere chi andrà in campo. Abbiamo recuperato anche Tello che per noi è molto importante. Lapadula ha lavorato regolarmente, per cui penso sia pronto: devo decidere se farlo partire o inserirlo nell'ultima mezz'ora. Non ha più dolore, quindi questo è un aspetto fondamentale. E' chiaro che non sarà al 100% ma la sua condizione è buona. In quel ruolo ci sono delle valide alternative come quelle di Sau e di Di Serio: sono dei dubbi che mi porterò dietro fino alla fine". 

SAU - "Per me è una garanzia, così come tutti i ragazzi dello scorso anno. Devo conoscere di più i nuovi. Sau potrebbe giocare in qualsiasi ruolo, già con l'Inter se non avesse avuto qualche problema l'avrei inserito da titolare. Non so se partirà dal primo minuto a Roma, ma è uno di quei calciatori su cui posso contare a occhi chiusi". 

ROMA - "Contro queste squadre deve essere un divertimento. Nessuno ci scommette un euro sul Benevento. La Roma ha elementi straordinari: se non gioca Pellegrini c'è Cristante, poi hanno preso Smalling. E' una squadra che gioca all'attacco, con due quinti molto forti. Non partiamo mai battuti con nessuno, cercheremo di fare la nostra gara a testa alta. Questa mentalità ci ha portato i risultati che abbiamo visto. Non dobbiamo snaturarci, ma contro una squadra così bisogna dare il 120% e sperare che loro siano al 50%. Dobbiamo goderci questa partita, sono contento che il Benevento di qualche anno fa sia stato dimenticato: già questa è una prima soddisfazione. Queste sfide devono servirci per crescere e per imparare dagli errori che faremo, sperando di farne il meno possibile. Ciò che mi lascia soddisfatto è la mentalità di questa squadra, aspetto rilevante che potrà farci salvare. Sappiamo che dobbiamo crescere ancora molto, però la squadra si allena bene. Sono molto sereno da questo punto di vista". 

MENTALITA' - "Chiediamo tanto alla squadra perché la domenica per ridurre il gap tecnico dobbiamo correre più degli altri. Conosco i miei ragazzi, per cui al di là delle difficoltà ciò che mi lascia ben sperare è che questa squadra non si perde mai d'animo. Lo abbiamo visto anche contro l'Inter, vuol dire che c'è fiducia e voglia di fare bene. Questa è la mentalità che può farci avere speranze di salvezza. E' chiaro che non siamo degli sprovveduti, cerchiamo di preparare le partite mettendo in risalto le nostre qualità e frenando la forza degli avversari". 

SCELTE - "Sulle corsie di difesa ho tre giocatori per due posti. Maggio e Letizia sono due garanzie. Foulon sta facendo molto bene, ha grande spirito e magari dobbiamo mettere in preventivo qualche errore di gioventù. Tello esterno? Il suo ruolo è mezz'ala, potrebbe arretrare in caso di emergenza". 

COVID - "Dobbiamo fidarci degli esperti, cercando di andare avanti. La salute è sempre al primo posto. Stiamo attenti ai protocolli, con la consapevolezza che qualche calciatore potrà saltare delle partite. Adesso è stato colpito il Genoa e speriamo che non accada più". 

SMALLING - "La Roma ha degli ottimi elementi anche senza Smalling, chiaramente è un calciatore importante ma una eventuale assenza non credo che sposti la forza della Roma. Servirà una grande partita, solo quello potrà permetterci di ottenere un risultato positivo. Loro giocano bene, Fonseca è un ottimo allenatore che mi piace molto". 

VIOLA - "Sta bene, dalla prossima settimana sarà con il gruppo. Mi auguro di averlo tra i convocati con il Napoli, se non quella successiva. Ci dispiace abbia perso così tanti mesi, ma adesso è sulla via della guarigione completa. Sarà un grande acquisto, sono felice di vederlo in forma". 

CERTEZZE - "Penso che questa squadra possa solo migliorare. Non abbiamo mai avuto Lapadula al meglio, Iago Falque non può essere nelle condizioni migliori così come Caprari, dobbiamo cercare di dargli partite per farlo tornare in forma. Sono tre elementi fondamentali che quando cresceranno permetteranno a tutti di migliorare. Importante è la mentalità, una delle certezze che non dovrà mai mancare per poterci salvare".