Frana Ischia, trovato il corpo di una bambina: si era rifugiata sotto al letto

Sale a due il bilancio delle vittime: la prima è la 31enne Eleonora Sirabella

La bimba trovata dai cani molecolari indossava il pigiamino rosa. ha tentato di ripararsi sotto il letto

Ischia.  

E’ di una bambina di 5-6 anni  il secondo cadavere recuperato nel fango del comune di Casamicciola a Ischia.  L'hanno individuata i cani molecolari. La piccola si era rifugiata sotto al letto sperando di trovare riparo, ma la tempesta l'ha travolta e l'ha uccisa. 

Dopo la 31enne Eleonora Sirabella, i soccorritori dopo oltre 24 ore hanno ritrovato il corpo senza vita della bambina in una delle 15 abitazioni colpite dalla frana venuta giù dal Monte Epomeo.

La piccola indossava un pigiama rosa. Il cadavere sarà trasferito presso l’obitorio in attesa dell’identificazione.

Restano altre 10 persone disperse 

Restano dieci le persone disperse. Due famiglie, un uomo, una donna straniera e un’anziana. Otto persone che si trovavano in un agriturismo rimasto isolato dopo l’alluvione di ieri mattina sino state salvate dai vigili del fuoco del comando provinciale di Napoli e dai militari dell’Aeronautica. Sono state fatte salire su due elicotteri, le loro condizioni di salute sono buone.

Due vittime, la prima è una 31 enne 

Si cerca ancora  il compagno di Eleonora Sirabella, la prima vittima accertata della tragedia a Ischia. Aveva 31 anni e viveva nel comune di Casamicciola, lavorava come cameriera in un bar dell’isola. Tantissimi i messaggi di cordoglio rivolti alla giovane donna. La sua pagina su Facebook è piena di foto e ricordi condivisi in queste ore da decine di amici. Il suo corpo è stato trovato nei pressi di piazza Maio.

Si cerca nelle auto trascinate in mare 

I sommozzatori dei vigili del fuoco impegnati nelle ricerche dei dispersi a Ischia stanno iniziando le immersioni nella zona del porto per ispezionare le auto trascinate in mare dalla frana. Sull'isola sono giunte circa 50 unità speciali con personale e mezzi dei vigili del fuoco. La situazione continua ad essere seguita dal capo Dipartimento dei vigili del fuoco, Laura Lega, in costante collegamento tra il Centro operativo nazionale del Corpo, il Centro di coordinamento dei soccorsi della prefettura e le zone interessate dalla frana.