Ascoli, Vivarini: «Salernitana fortunata, Calaiò è un rapace»

Il tecnico dei bianconeri: «Abbiamo concesso tante possibilità e troppo campo agli avversari»

ascoli vivarini salernitana fortunata calaio e un rapace

Ascoli. «Siamo stati poco squadra, abbiamo concesso tante possibilità e troppo campo alla Salernitana, dovevamo essere più corti in zona palla». Fa mea-culpa il tecnico dell’Ascoli, Vincenzo Vivarini al termine del match vinto 4-2 dalla Salernitana. «Ne è venuta fuori una partita aperta a tutto, siamo stati sfortunati in occasione del palo perché eravamo riusciti a riaprire la partita. Purtroppo dobbiamo rimboccarci le maniche e prepararci al tutto. È stata una gara difficile, un primo tempo inspiegabile. Lo stato d’animo, probabilmente, non era quello giusto. Ci tenevamo tantissimo a fare bene. Purtroppo non giocando da due settimane si è persa l’idea di questo campionato».

Vivarini, ai microfoni del canale 696 di Otto Channel durante la trasmissione Offside, ha anche commentato la prestazione dei granata e dei suoi singoli. «La Salernitana è stata molto fortunata, sapevamo che sui calci d’angolo erano molto pericolosi e ci hanno punito. Calaiò è un rapace dell’area di rigore, è un giocatore che sposta gli equilibri. È stato bravo nell’occasione del pareggio. Dove potrà arrivare? Lo dirà il campionato, abbiamo visto una partita strana che potevamo anche vincere. Se la Salernitana sarà brava, potrà arrivare in alto».