Gli ultras non fanno dietrofront: «La discriminazione resta»

Alcuni gruppi della Curva Sud chiariscono che non partiranno per Castellammare di Stabia

gli ultras non fanno dietrofront la discriminazione resta
Salerno.  

Le autorità di pubblica sicurezza tornano sui propri passi. Alcuni gruppi della Curva Sud, no. Nuova Guardia, Nucleo Storico, Frangia Kaotica, Prigionieri di una Fede, Igus e Mai Sola, infatti, hanno annunciato con una nota che resteranno a Salerno come avevano già deciso nella giornata di ieri. «Noi disertiamo. Noi che non ci pieghiamo a decisioni assurde, cervellotiche, discriminatorie soprattutto verso i nostri fratelli, restiamo a casa. Per noi il gesto resta, la discriminazione resta. La decisione presa dal questore era questa e non è certo l'intervento dei politici che ne modifica la gravità. Qualcuno si è piegato alla politica. Noi invece vogliamo giustizia. Noi non dobbiamo ringraziare nessuno. La trasferta a Castellammare era un nostro diritto non un regalo politico. Per dignità quindi rinunciamo al nostro amore e soffriremo da casa, ma per noi questo è il modo di essere ultras senza compromessi e senza padroni», la nota firmata dai sei gruppi della Curva Sud Siberiano.