U.S. Avellino, è il giorno del dentro o fuori al Tar del Lazio

Ultima chance per il ritorno in Serie B. Tenuta l'udienza collegiale, entro la serata il verdetto

u s avellino e il giorno del dentro o fuori al tar del lazio
Avellino.  

 

di Marco Festa

Per l'Uesse Avellino è il giorno del dentro o fuori senza ulteriori possibilità di appello, se non per quelli che sarebbero fini meramente risarcitori (dal Consiglio di Stato fino al Tas di Losanna). Alle 12, rappresentato dai propri legali, Eduardo Chiacchio e Lorenzo Lentini; alla presenza del presidente Walter Taccone, il club biancoverde ha fatto ritorno al Tar del Lazio dopo la bocciatura dello scorso 7 agosto, che ne ha sancito l'esclusione dal campionato di Serie B e lo svincolo d'autorità di tutti i calciatori presenti fino ad allora in rosa. Si è consumata l'udienza collegiale programmata; successiva al rigetto della richiesta di sospensiva d'urgenza posta in essere in seguito al “no” del Coni al ricorso dello scorso 31 luglio, per il rilascio della Licenza Nazionale negata dalla FIGC. Le residue, esigue, chance di riammissione in Cadetteria, che nel contempo ha visto confermata dallo stesso Coni l'adozione del format a 19 squadre, sono state giocate con l'introduzione negli atti di un elemento probatorio finalizzato a evidenziare la presunta disparità di trattamento rispetto ad altre società che, stando alla difesa, sarebbe divenuta conclamata in seguito al comunicato 59 del 30 agosto della FIGC sul cosidetto caso Finworld. Il ragionamento dell’Avellino è semplice: perché concedere 29 giorni di tempo a 12 società per sostituire una fideiussione e soltanto 2 per rimpiazzare la polizza Onix Asigurari? Il verdetto è atteso in serata, entro le 19, ma potrebbe essere anche anticipato di qualche ora. In ogni caso arriverà in giornata.