Amelia applaude Avellino: "Non c'entra nulla con la Serie D"

Campione del mondo e di umiltà, il tecnico della Lupa Roma ha esaltato la piazza irpina

amelia applaude avellino non c entra nulla con la serie d
Avellino.  

“A prescindere dal risultato è stata una prestazione negativa. Il divario tecnico tra la mia Lupa Roma e l'Avellino c’è, è evidente, ed è venuto fuori in maniera prepotente.” Così Marco Amelia, campione del mondo nel 2006 con l'Italia di Marcello Lippi ed ora allenatore della formazione capitolina, travolta dai lupi del neo-tecnico Bucaro, questo pomeriggio al “Partenio-Lombardi”. “Il gap tecnico si è rivelato troppo ampio, ma anche una sconfitta del genere può aiutarci a crescere, nonostante sia evidente che siamo in grande difficoltà.” ha proseguito Amelia, apprezzabile per l'umiltà nella scelta di accettare una sfida difficile, in Serie D. “Ho avuto delle possibilità di allenare altrove, ma ho un legame importante con questa squadra visto che ho fatto la scuola calcio con la vecchia Lupa Frascati.” - ha spiegato l'ex numero uno, tra le altre, di Milan, Genoa e Chealsea - “Non abbiamo seguito e non ci sono pressioni e, purtroppo, con l’inizio del mercato sono venuti fuori vari malumori. L'Avellino? Alla lunga verrà fuori, per me resta la candidata numero uno alla vittoria del campionato e non c'entra nulla con un pubblico così e uno stadio così in questa categoria.”