Martone: "C'è il mio ok per Alfageme all'Avellino"

Il consulente di mercato della Casertana: "Pronto a liberare Luis, su di lui anche tre club di C"

martone c e il mio ok per alfageme all avellino
Avellino.  

L'Avellino si allena a porte chiuse mentre il direttore sportivo Carlo Musa, dopo il via libera da parte del patron De Cesare, cerca l'intesa per regalare alla piazza biancoverde un colpo in grado di ridestare gli entusiasmi sopiti: come anticipato questa mattina, Luis Alfageme è a un passo dal Calcio Avellino. A confermarlo, in collegamento telefonico con Ottopagine.it e 696 TV OttoChannel, è il consulente di mercato della Casertana, Aniello Martone.

(Clicca sul pulsante "play" al centro della foto per ascoltare l'intervista integrale al consulente di mercato della Casertana FC, Aniello Martone)

Luis Alfageme è a un passo dal Calcio Avellino. Martone, a che punto è la trattativa? 

“Sappiamo bene che ha parecchie richieste dalla Serie C, ma da quello che ho saputo il ragazzo è intenzionato a dare priorità dell'Avellino. Ora dipende tutto dall'Avellino. C'è già il mio ok all'operazione.”

Alfageme aveva giurato amore e fedeltà alla Casertana, ma il calcio è anche questo. Gli scenari possono cambiare all'improvviso...

“Alfageme è un ragazzo che in due anni ha dato tanto per la Casertana. Oltre a essere a un grande giocatore è una grande persona, si è legato a noi. I programmi, però, sono un po' cambiati: lui cerca maggior minutaggio, in un contesto che lo affascini. L'Avellino lo ha cercato. Trasferirsi ad Avellino potrebbe permettergli di continuare a vivere a Caserta, come desidera, e di cogliere i classici 'due piccioni con una fava' agevolando il buon esito dei negoziati. Il procuratore, Andrea Pasini, e il direttore sportivo Carlo Musa, stanno in questo momento discutendo dell'ingaggio. Io lo ripeto: se devo lasciarlo andare per l'Avellino non ci sono problemi.”

Cosa manca per concludere l'affare?

“L'accordo tra l'Avellino e il calciatore. A una buona offerta non direbbe di no. Lui tiene a giocare con l'Avellino sia per il presente, sia per il futuro. L'Avellino è destinato a salire. Lui sa che il progetto può essere di due anni e non di sei mesi. La sua voglia è di venire ad Avellino anche se ha offerte importanti da Sambenedettese, Viterbese, Monopoli e sta valutando anche quelle per prendere la decisione migliore per il suo futuro.”

Quanto ha inciso, o potrebbe incidere, sul lieto fine della trattativa l'amicizia che lega Alfageme a De Vena?

“Sono due ragazzi che l'anno scorso hanno fatto bene, soprattutto nel girone di ritorno, tant'è che nella classifica del ritorno chiudemmo primi. Quest'anno erano partiti loro come coppia d'attacco titolare, fino a quando i programmi sono cambiati. Il concetto relativo a De Vena vale per Alfageme: sono due grandi professionisti e due grandi persone. E a questo Avellino servono prima gli uomini e poi i calciatori. Detto questo, Luis, per questa categoria, per me, è sprecato. Potrebbe fare ancora la Serie B per tasso tecnico ed è un professionista: è un ragazzo integro, ha il fisico di un quindicenne. Su questo l'Avellino può stare tranquillo: in due anni non ha mai avuto un infortunio e con i suoi dieci gol ha dato una mano a centrare i playoff dove, come sapete, siamo usciti contro il Cosenza.”

La Casertana è pronto a svincolare il calciatore? Domani potrebbero esserci sorprese in occasione della conferenza stampa indetta dal club biancoverde?

“Il ragazzo, nel momento in cui viene da me e mi comunica che ha trovato l'accordo, ha il mio via libera. Per la trattativa che è in corso, però, che è importante sia per il calciatore, sia per l'Avellino, non credo che entro domani faranno tutto. Ma questo bisogna chiederlo all'agente Pasini e al direttore Musa. Per me, il momento di una firma, ed Alfageme è dell'Avellino. Spetta a loro darmi notizie.”

Foto: CasertanaFC.it