Serie D, "Final Four" scudetto: possibili sedi, due novità

L'Avellino e i suoi tifosi pronti a mobilitarsi per lanciare l'assalto al tricolore di categoria

serie d final four scudetto possibili sedi due novita
Avellino.  

“Nessuno ha la palla di vetro, ma c'è un impegno da onorare. Faremo di tutto per raggiungere il traguardo che ci siamo prefissati attraverso l'unica strada possibile: il lavoro.” Così, Gianandrea De Cesare a margine del successo della Scandone sull'Olimpia Milano in Gara 3 dei playoff scudetto. L'impegno da onorare, in questione, è riportare l'Avellino – quello del calcio – in Serie B nell'arco di tre stagioni, come da programma presentato la scorsa estate in Comune. La promozione in Serie C, ottenuta lo scorso 12 maggio, a Rieti, grazie al successo nello spareggio contro il Lanusei, è stato il primo passo verso l'obiettivo, ma c'è tempo per cullare sogni di gloria e riscatto.

E sì, perché, adesso, il futuro che catalizza l'attenzione del patron e dei tifosi, non è quello proiettato così in avanti, piuttosto collegato a un altro scudetto: quello che gli uomini di Bucaro, oltre a quelli di coach Maffezzoli, sognano e inseguono. Non sarà il vero titolo di campioni d'Italia, ma pure cucirsi il tricolore della LND sul petto, nella prossima stagione, inizia a far venire l'acquolina in bocca al lupo; a solleticare i desideri e la fantasia di supporter e dirigenza biancoverdi. Impossibile rimanere indifferenti rispetto alla marcia da rullo compressore di una squadra risorta dalle proprie ceneri con straordinaria forza; che ieri, sbancando Picerno con il ventitreesimo gol stagionale di De Vena, ha strappato il “pass” per le “Final Four” che assegneranno il titolo di squadra numero uno della Serie D 2018/2019.

Sede o sedi di gioco; avversaria nella semifinale del 31 maggio tra Cesena e Pergolettese, con il Lecco che nel prossimo turno non sarà di certo opposto a Morero e compagni proprio perché non è possibile il sorteggio di una semifinale tra le due squadre che si sono già affrontate nel triangolare del girone 2. Cresce l'attesa del popolo irpino per le coordinate utili a innescare una nuova mobilitazione; per conoscere dove, quando e contro chi sostenere i lupi; spingendoli ad arrivare fino in fondo.

Rispetto a ieri c'è, però, in tal senso, un'unica novità di rilievo: la finale, in programma il 2 giugno, non si giocherà certamente a Pisa perché il Pisa si è qualificato ai quarti di finale dei playoff di Serie C eliminando la Carrarese e giocherà in casa proprio in quella data. La Toscana sarà, comunque, salvo colpo di scena, la meta per le quattro finaliste: Pontedera, Pistoia, ma anche Lucca - idea dell'ultima ora - sono al vaglio nel novero delle possibili destinazioni più "gettonate".