L'Avellino svela le maglie, Di Somma annuncia tre calciatori

Serata di gala al "Partenio-Lombardi". Si è parlato anche di Di Paolantonio e Castaldo

Avellino.  

A una settimana dall'esordio stagionale in una gara ufficiale, che coinciderà con la trasferta a Meda, contro il Renate, nel primo turno di Coppa Italia, l'Avellino si è presentato nel “Media Day” organizzato sul rettangolo verde del “Partenio-Lombardi”. Tutti all'area aperta, come prima delle misure anti Covid-19 adottate, e partecipazione dei tifosi garantita, in attesa di tempi migliori, attraverso i social.

Jolanda De Rienzo, alla quale è stata affidata la conduzione della serata, ha subito ceduto la parola ad Angelo Antonio D'Agostino: “Abbiamo grande entusiasmo, nonostante il momento storico particolare che rende tutto molto complicato. Vogliamo far bene, siamo l’Avellino, non potevamo allestire una squadra dimessa e fare brutte figure. Puntiamo a un buon campionato. Vorrei vincere, ma voliamo bassi.” ha esordito il presidente dei biancoverdi.

Nel ricco parterre di ospiti, oltre ai main sponsor, anche il sindaco del capoluogo irpino, Gianluca Festa: “Deve essere una stagione importante, per la città e per l’intera provincia. L’anno scorso si è temuto e sofferto, ora comincia una nuova era. Sta venendo su una squadra importante, non ci resta che accogliere di nuovo qui i nostri tifosi, per poi dedicarci nei prossimi mesi all’idea del nuovo stadio.”

L’amministratore unico Giovanni D’Agostino ha, invece, presentato una delle iniziative più ricercate e complesse per far coesistere, una missione all'apparenza impossibile allo stato attuale, ovvero la fidelizzazione, con annessi introiti, dei tifosi. Di norma garantita dagli abbonamenti, ma ora riadattata sotto forma di “tessera fedeltà”: dà diritto ad agevolazioni per acquisti presso lo store ufficiale, rilevato dalla nuova proprietà, e a uno scontro del 10% sugli abbonamenti nel caso in cui dovesse essere permesso farli sottoscrivere. Versione “silver” e “gold”: se si aderisce a quest'ultima in regalo c’è una maglietta ufficiale, viceversa una mascherina.

Poi, su il sipario sulle nuove divise da gioco, firmate Magma: a indossarle i portieri Francesco Forte e Sabino Pellecchia, insieme agli ultimi arrivati, in ordine cronologico, Salvatore Aloi, Alberto Dossena e il bomber Riccardo Maniero. La terza maglia sarà gialloverde per omaggiare il club olandese del Den Haag, la cui tifoseria è gemellata con quella irpina.

Spazio anche per qualche notizia di mercato dal direttore sportivo Salvatore Di Somma, che ha ufficializzato gli arrivi del centrocampista Alberto De Francesco, dalla Reggina; dell’attaccante Emanuele Santaniello e dell'estremo difensore Pasquale Pane, appena svincolatisi dal Picerno, manifestando, inoltre, un’apertura per la soluzione del “caso Parisi”. In tal senso ha chiarito che incontrerà il suo procuratore, Mario Giuffredi, per risolvere “la grana” e “accontentare le ambizioni del ragazzo”. Porta chiusa ad Alessandro Di Paolantonio (“Gli abbiamo fatto delle offerte importanti, ma le ha rifiutate”) e Luigi Castaldo (“Escludo che arriverà, là davanti proveremo a completare il reparto con un under”). Per l'ex dieci, però, qualora la Casertana chiudesse il cerchio delle spettanze da saldare nei suoi confronti, dopo aver già raggiunto un'intesa per la buonuscita dall'ultimo anno di contratto in essere, affiancandola alla proposta biennale dell'Avellino, la sensazione è che sono possibili colpi di scena in extremis. Domenica prossima, allenamento congiunto, a porte rigorosamente chiuse, con la Cavese.