Braglia: "Le aspettative sono alte, non vedo i ragazzi sereni. Bisogna calmarsi"

Avellino - Latina 1-1, il tecnico: "Troppe espulsioni, troppo nervosismo. Reagire così non serve"

Avellino.  

Avellino – Latina 1-1, il commento del tecnico dei biancoverdi, Piero Braglia: “Fino all'espulsione avevamo creato un sacco di occasioni. Poco prima ci siamo fatti gol da soli, non si può arrivare così in ritardo in chiusura. Non è la prima volta che commentiamo un espulsione, in questo avvio di stagione. Bisogna iniziare a darsi una calmata, così non va bene. Abbiamo insistito con le due punte anche in inferiorità numerica, non è bastato. Non ci gira bene pure i termini di episodi: pali, occasioni sbagliate, è un momento in cui dobbiamo fermarci e riflettere. Vedo troppo nervosismo, falli di reazione. Stiamo lasciando per strada punti, bisogna recuperare i calciatori che mancano e dare risposte sul campo. Anche stasera abbiamo dato tutto, ma non è bastato. Non vedo i ragazzi sereni, non li vedo tranquilli. Le aspettative sono alte, lo scorso anno sono arrivate strada facendo e non da subito. Non so se quanto e se stia incidendo. Di certo portiamo addosso un nome pesante, ma se reagiamo così ci facciamo solo del male. Carriero davvero mi ha sorpreso. Non c'era nemmeno motivo di reagire così. Un gran peccato. Abbiamo giocato bene, provato a vincere. La volontà, il cuore, ci abbiamo messo tutto e per questo girano le scatole. Di Gaudio fuori? Ha avuto un'infiammazione giocando subito, perché si è fermato Micovschi, probabilmente lo abbiamo caricato troppo. Non dobbiamo rischiare nessuno. Non possiamo permetterci il lusso di azzardare e perdere calciatori per tanto tempo. La Coppa Italia di Serie C (mercoledì, alle 17, al “Partenio-Lombardi" arriverà l'Ancona Matelica, ndr)? Utile per chi gioca di meno per mettersi in mostra. Ci saranno cambi”.