Napoli, Lobotka: "Qui il calcio è una religione. Hamsik..."

Attraverso il sito ufficiale della Federcalcio slovacca, le prime parole da azzurro del regista

napoli lobotka qui il calcio e una religione hamsik
Napoli.  

Il tweet del presidente Aurelio De Laurentiis, poi le prime parole da calciatore del Napoli attraverso il sito ufficiale della Federcalcio slovacca. Primo giorno da tesserato azzuro per Stanislav Lobotka, che ha salutato il Celta Vigo per legarsi alla società partenopea per i prossimi cinque anni: “Ho lasciato la Liga per la Serie A, ma l'ho fatto per approdare in un club di qualità superiore, che ha obiettivi più importanti. È un passo avanti per me.” - ha esordito il regista - “A Napoli i tifosi percepiscono il calcio come una religione. L'interesse nei miei confronti? Ne sono venuto a conoscenza pochi giorni prima della fine del 2019, quando sono iniziate le prime trattative. Non è stato facile trovare un accordo con il Celta Vigo. Vestirò la maglia che ha per tanti anni indossato Hamisk, che è considerato un Dio non solo a Napoli, ma anche in tutto il resto d'Italia. Ecco perché sono felice di essere arrivato nella sua ex squadra. È bello che Marek sia stato qui perché ha reso il calcio slovacco un'eccellenza. Ci siamo scritti, mi ha dato molte informazioni. Mi ha consigliato di essere me stesso.” Lo sbarco nel Bel Paese lo metterà in condizione di sfidare un altro connazionale: il difensore dell'Inter Milan Škriniar. “Non vedo l'ora di affrontarlo. Sarà qualcosa di nuovo. Skriniar si è congratulato con me per essere andato in un grande club. Cercherò di conquistare un posto da titolare, anche se so che non sarà facile. Ci sono grandi giocatori qui, quindi, dovrò lavorare sodo, ma credo che mi divertirò con questo modo di giocare. Proverò a mostrare tutto me stesso.” ha concluso Lobotka.

Fonte e screenshoot: www.futbalsfz.sk.