Avellino, Maniero: "Il Covid non è un alibi quando si perde"

L'ariete, match-winner a Potenza: "L'abbraccio a Braglia per zittire tutti sul nostro rapporto"

avellino maniero il covid non e un alibi quando si perde
Avellino.  

Match-winner e migliore in campo. Riccardo Maniero si è definitivamente riscattato dal rosso rimediato contro la Turris. Secondo gol consecutivo e, stavolta, non vale solo per l'onore, come contro il Catania, ma 3 punti, conquistati in casa del Potenza. Così l'ariete al microfono di Radio Punto Nuovo: “Sono contento del secondo gol di fila, arrivato in una partita tosta. Non era facile vincere su questo campo contro un Potenza agguerrito e ben messo in campo. Ci siamo lasciati alle spalle un periodo nerissimo e con alcuni ragazzi che erano a letto fino a ieri, praticamente. Sono stati degli eroi a scendere in campo oggi. Il Covid non è una scusa. Il mister ha avuto davvero problemi a capire chi mettere. Io ho avuto il Covid e per 10 giorni sono stato in casa, senza allenarmi, stando a letto. Per tornare in forma ci vuole del tempo. Il Covid non è uno alibi quando si perde. Esultanza? Si ho voluto zittire alcune voci, che avevano dato un po' fastidio in questi giorni, e ho voluto abbracciare il mister per far capire che il legame tra noi è forte e siamo uniti. Il primo tempo è stato fatto male, nel secondo tempo siamo usciti con forza e determinazione e dobbiamo giocare sempre così. Dobbiamo stringere i denti fino a Natale e portare a casa tanti punti. Siamo contenti e ora testa al Francavilla. La Ternana è imprendibile? Assolutamente no, il campionato è lunghissimo, a breve ci sarà lo scontro diretto e ne capiremo di più.”