Avellino, Musa: "Dispiace per Graziani. Mercato in stand-by"

Il diesse: "Esonero per dare la scossa, arriveranno calciatori di categoria scelti con Bucaro"

avellino musa dispiace per graziani mercato in stand by
Avellino.  

 

di Marco Festa

Nel giorno della presentazione di Giovanni Bucaro Daniele Cinelli, dopo i primi scambi di vedute ieri sera, a cena, ha parlato anche Carlo Musa, che è partito dalla scelta di cambiare in panchina: resasi inevitabile dopo aver provato a fare quadrato, pubblicamente, con il presidente Mauriello, intorno a Graziani“Non è stato piacevole esonerare Graziani, ma era necessario dare un segnale alla squadra in seguito alla sconfitta con il Trastevere.” - ha esordito il direttore sportivo del Calcio Avellino davanti a microfoni e taccuini - “Ha pagato Graziani, ma le responsabilità sono di tutti. Dobbiamo invertire la rotta, abbiamo scelto Bucaro per farlo. Ci siamo trovati subito in sintonia, penso possa dare tanto sia alla squadra, sia alla piazza. Siamo pronti ad iniziare questo nuovo cammino con tanta voglia perché vogliamo recitare un ruolo importante in questo campionato. Vogliamo portare l’Avellino ai livelli che merita.”

Intanto il calciomercato tra le società di Serie D è aperto da cinque giorni, ma non c'è ancora nessun volto nuovo tra le fila irpine: “Avevo delle idee, che ora sono in stand-by perché devo confrontarmi col mister, costruire la squadra intorno al suo credo tattico. Il mercato chiuderà il 14 dicembre, ma qualche operazione la faremo sicuramente. Valuteremo col mister dove c’è bisogno di intervenire subito. Guarderemo anche agli svincolati di Serie D a mercato chiuso. Sarà un mercato da vertice? Saranno fatte operazioni per migliorare la rosa con calciatori di categoria. Non serve prendere giocatori di categoria superiore, quelli ce li abbiamo già e, magari, ne arriveranno altri più avanti.”

Clicca qui per vedere la conferenza stampa integrale di presentazione di Giovanni Bucaro e Daniele Cinelli con le dichiarazioni del direttore sportivo Carlo Musa (video tratto da OttoChannel.tv)