Avellino, le immagini dell'esonero di Capuano

Il tecnico ha lasciato Manocalzati in compagnia di Di Somma, che si avvia, invece, alla conferma

Manocalzati.  

A Manocalzati si è conclusa l'avventura di Ezio Capuano sulla panchina dell'Avellino. Al tecnico, convocato dal presidente D'Agostino alla presenza di Di Somma (che si avvia, invece, salvo colpi di scena, alla conferma, ndr), è stato comunicato l'esonero, ufficializzato dal club biancoverde proprio mentre lasciava il luogo del summit in auto, ironia della sorte, con lo stesso direttore sportivo che lo aveva fortemente voluto in biancoverde al posto di Giovanni Ignoffo, previo poi manifestare, lo scorso sabato, la propria disponibilità a iniziare il nuovo corso della società irpina anche senza il mister di Pescopagano. All'allenatore non è bastato il contratto sino al 30 giugno 2021 con opzione per il prolungamento di un'ulteriore stagione (a cui si era detto disposto a rinunciare senza indugi, qualora la proprietà, subentrata, gli avesse manifestato la volontà di operare altre scelte, ndr) per garantirsi la permanenza. A pesare sulla decisione il suo burrascoso rapporto con lo spogliatoio, manifestatosi già dopo poche giornate dal suo approdo all'ombra del Partenio e riemerso in maniera prepotente nel corso della marcia di avvicinamento ai playoff. Come anticipato nella serata di ieri da Ottopagine.it e 696 TV OttoChannel, in pole position per sostituirlo c'è Gaetano Auteri, che ha appena concluso la sua esperienza al Catanzaro. Piero Braglia, Massimo Rastelli e Antonio Calabro gli altri papabili.